Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie. Accetta
  • Sei il visitatore n° 52.483.215
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Mercoledì 12 settembre 2018 alle 11:54

Malgrate: cena etnica sotto le stelle con 'Live the Afrika Magic'

E’ giunta al termine nella serata di ieri, martedì 11 settembre, la festa patronale della Madonna della Cintura e San Grato, a Malgrate: dopo dieci intensi giorni di celebrazioni religiose e di eventi di ogni genere, è stata infatti una ricca cena etnica africana dal titolo “Live the Afrika Magic – Cenando sotto le stesse stelle” - organizzata da Elena Jaci, responsabile del gruppo teatrale giovanile locale “Siamo nati per soffrire” - a suggellare il successo della tradizionale manifestazione in onore del Santo Patrono.




A partire dalle ore 20.00, presso il “pratone” dietro la Chiesa di San Grato, in località Gaggio, sono stati oltre quaranta i Malgratesi che hanno deciso di immergersi nell’allegro clima che ha fatto da cornice ad un’occasione unica di incontro con degli aspetti affascinanti della cultura culinaria del Togo, del Benin, della Costa d’Avorio, del Burkina Faso, del Ghana, di Capo Verde e della Guinea.

VIDEO



Tra i tanti partecipanti, anche Don Andrea Lotterio, il Sindaco Flavio Polano e il Consigliere Comunale Aldo Maggi, che hanno avuto modo di apprezzare specialità tipiche africane come il cous-cous con le verdure, riso, aboulo, geoume con mais, carne e merluzzo e infusi di erbe, serviti con attenzione e professionalità da un gruppo de “I Giovani della Casa sul Pozzo di Padre Angelo Cupini”, accompagnati da alcuni volontari malgratesi. Ad animare la serata con canti e percussioni, inoltre, è stato l’artista camerunense Stephane Ngono, che con la sua musica e antiche tradizioni ritmico-melodiche africane ha contribuito a dar vita ad una speciale atmosfera esotica.




“Questa serata è stata pensata per essere una splendida opportunità di incontro e condivisione tra culture diverse, a volte diametralmente opposte”, ha commentato Elena Jaci. “E’ importante aver riscontrato questo successo di pubblico, perché significa che c’è ancora la voglia di scoprire ciò che non si incontra quotidianamente e di aprirsi al prossimo e alla sua cultura: la conoscenza reciproca tra le persone è fondamentale per abbattere paure e pregiudizi”.



Tra musica, stoffe, colori e danze, insomma, la cena etnica si è dimostrata un vero successo, capace di incuriosire e divertire tutti coloro che non si sono lasciati sfuggire l’occasione di un gustoso pasto diverso dal solito, speziato e saporito.
M.C.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco