Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 55.722.019
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Venerdì 14 settembre 2018 alle 11:46

Bellano, civiche benemerenze: candidature fino al 15

Lo scorso anno l’Amministrazione bellanese ha proposto e deliberato per la prima volta un regolamento che ha istituito un importante riconoscimento per persone meritevoli grazie al loro impegno e valore, all’interno della comunità bellanese: le benemerenze civiche. Per il secondo anno quindi, per tutti i cittadini sarà possibile, fino al 15 ottobre, proporre una o più candidature di cittadini o enti ritenuti meritevoli di questa onorificenza. Così come previsto dal regolamento, il gruppo di lavoro cultura, che racchiude rappresentanti designati dal gruppo di maggioranza e dai due consiglieri di minoranza, valuterà poi le proposte. Il Consiglio recepirà poi le candidature rendendole effettive. Come lo scorso anno, le benemerenze saranno consegnate durante il gran concerto di Capodanno 2019. “Aspettiamo le candidature di cittadini o enti – spiega il Sindaco e delegato alla Cultura Antonio Rusconi –. Il gruppo di lavoro poi sceglierà seguendo criteri sia di merito, ma anche altri fattori, come la condivisione totale nel gruppo, l’età e la valenza dell’anno in corso”.
Le candidature, accompagnate da biografia del soggetto e dal motivo della proposta, possono essere presentate entro il 15 ottobre all’indirizzo mail protocollo@comune.bellano.lc.it oppure direttamente agli uffici comunali. Lo scorso anno furono sei i cittadini ai quali fu assegnata la benemerenza: il Maestro Giancarlo Vitali, Giovanni Vetere il “Postino”, Attilio Denti il “Tito”, Carlo Vitali il “Carletto”, Alessandro Cariboni e le suore dell’Istituto San Francesco.


© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco