Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie. Accetta
  • Sei il visitatore n° 54.366.109
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Lunedì 17 settembre 2018 alle 13:26

Valmadrera: don Adelio lascia la comunità, il 14 il saluto ufficiale

Don Adelio Brambilla
Sarà domenica 14 ottobre il giorno in cui Don Adelio Brambilla - dal 2014 prevosto della Parrocchia di Sant’Antonio Abate, a Valmadrera – saluterà ufficialmente la comunità pastorale, nel corso di una celebrazione che si svolgerà alle ore 11.00 e durante la quale si festeggerà anche il suo 40° anniversario di ordinazione e il decimo del coadiutore dell’oratorio, Don Tommaso Nava. Dopo mesi di dubbi e interrogativi sul trasferimento di Don Adelio – annunciato lo scorso luglio -, venerdì sera il Consiglio pastorale ha comunicato che il parroco lascerà ufficialmente la cittadina lecchese entro fine mese, senza tuttavia specificare quale sarà la sua nuova destinazione: “Ancora non mi è stato comunicato, ma spero di saperlo a breve”, si è limitato a commentare Don Adelio, mantenendo tuttavia il riserbo sulle motivazioni che lo hanno spinto a chiedere lo spostamento e, soprattutto, a rinunciare al suo iniziale incarico a Cocquio Trevisago, in provincia di Varese. A subentrargli, come ormai ben noto, sarà Don Isidoro Crepaldi - originario di Carate Brianza e attualmente decano di Erba e parroco di Monguzzo - che celebrerà la sua prima messa a Valmadrera domenica 23 settembre, per poi fare il suo ingresso ufficiale in paese l’11 novembre, alle 16.00, quando verrà accolto dai cittadini con una grande festa in suo onore. La notizia dell’imminente cambio al vertice della Parrocchia di Valmadrera, lo ricordiamo, aveva generato grande stupore tra i fedeli, alcuni dei quali - affinché Don Adelio potesse restare - si erano mobilitati scrivendo alla Diocesi e a Monsignor Maurizio Rolla. Ne era emerso, tuttavia, che Don Adelio avrebbe scelto volontariamente di allontanarsi dalla cittadina: non sarebbe stato, pertanto, sollevato dall’incarico, come qualcuno aveva inizialmente sospettato.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco