Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie. Accetta
  • Sei il visitatore n° 54.366.834
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Martedì 18 settembre 2018 alle 10:55

Mandello: ricchissima la stagione cinematografica autunnale

Dopo il grande successo dello scorso anno torna la Rassegna cinematografica di Mandello, promossa dal Comune e dalla Proloco, con una ricchissima stagione autunnale. Sono dodici i film programmati, l’appuntamento è sempre il giovedì alle 21 al teatro comunale Fabrizio De André e si può scegliere se acquistare il singolo biglietto al costo di 5 euro oppure l’abbonamento a 35. La rassegna propone film molto recenti: ad eccezione di tre pellicole uscite tra l’agosto e il dicembre del 2017, gli altri spettacoli sono andati in prima visione quest’anno e uno di loro addirittura non è ancora stato proiettato.
Si parte tra pochi giorni il 20 settembre con “L’ora più buia” diretto da Joe Wright che racconta le vicende del Primo ministro britannico Winston Churchill, interpretato da Gary Oldman, alle prese con la decisione di combattere o arrendersi alla Germania nazista di Hitler. La settimana successiva - il 27 settembre - verrà proiettato Ella & John, il primo film in lingua inglese diretto da Paolo Virzì, protagonisti sono moglie e marito ottantenni, che decidono di sfuggire alle cure mediche che li separerebbero negli ultimi anni della loro vita e, saliti così sul loro camper soprannominato The Leisure Seeker, partono per il Key West per un viaggio pieno di sorprese.
Si apre con una storia drammatica il mese di ottobre: “Il filo nascosto” di Paul Thomas Anderson. Ambientato nella Londra degli anni anni Cinquanta il film racconta del celebre stilista Reynolds Woodcock, che dedito solo a se stesso e al proprio lavoro si innamora in maniera fulminea di Alma, una cameriera. Una storia d’amore difficile e tormentata dove a momenti di dolcezza di alternano sfumature macabre. Continua con una commedia coinvolgente la rassegna: l’11 ottobre verrà proiettato “Lady Bird”, il titolo è il nome che la protagonista Christine si è scelta rifiutando il proprio; odia anche la sua città, Sacramento, e sogna New York. Nella lotta per affermare le proprie scelte la asseconda il padre disoccupato, ma non la madre infermiera, preoccupata per il suo futuro. Un altro film drammatico in calendario il 18 ottobre. “Tuo, Simon”, diretto da Greg Berlanti, è l'adattamento cinematografico del romanzo “Non so chi sei, ma io sono qui” di Becky Albertalli. Protagonista è Nick Robinson, che interpreta il diciassettenne gay Simon, alle prese con gli amici, la famiglia, un amore segreto on-line e un bullo che minaccia di rivelare a tutti la sua omosessualità. Si torna in Italia per chiudere il mese di ottobre - il 25 - con “Hotel Gagarin” che racconta le avventure di cinque italiani, spiantati e in cerca di un’occasione, che vengono mandati a girare un film in Armenia. Appena arrivati scoppia una guerra e il sedicente produttore sparisce con i soldi. Abbandonati all’Hotel Gagarin, isolato nei boschi e circondato dalla neve, trovano il modo di inventarsi un’originale e inaspettata occasione di felicità che non potranno mai dimenticare.
Il mese di novembre si apre con l’ultimo lavoro di Matteo Garrone: “Dogman”, la sfortunata e inesorabile vicenda di Marcello, romano, dedito all’amore per la figlia, alla passione per il suo lavoro di toelettatore di cani e al suo pacifico rapporto con i vicini. La sua vita tranquilla viene scossa dall’incontro con Simone, un delinquente che lo porta sullo strada dello spaccio prima, della galera poi, fino alla perdizione. Direttamente dalla 35ª edizione del Torino Film Festival arriva “Tito e gli alieni” di Paola Randi, in programma l’8 novembre. Protagonista è un professore, interpretato da Valerio Mastandrea, che con la morte della moglie ha perso la voglia di vivere e si è isolato dal mondo nel deserto del Nevada accanto all’Area 51. Dovrebbe lavorare ad un progetto segreto per il governo degli Stati Uniti, ma in realtà passa le sue giornate su un divano ad ascoltare il suono dello Spazio. Il suo solo contatto con il mondo è Stella, una ragazza che organizza matrimoni per i turisti a caccia di alieni, fino a quando si presentano da lui i suoi nipoti da Napoli, Anita 16 anni e Tito 7, che il fratello Fidel gli affida prima di morire. Si torna a parlare di guerra il 15 novembre con “12 soldiers”, tratto dal libro “Horse Soldiers” del giornalista Doug Stanton. È la storia del capitano Mitch Nelson e dei suoi uomini che dopo l’11 settembre del 2001 si offrono volontari per una missione pericolosa al fianco di Abdul Rashid Dostum, signore della guerra uzbeko, nel tentativo di ricostituire l’Alleanza del Nord in chiave anti-talebana.
È con “L’incredibile viaggio del fachiro” - in programma il 22 novembre - di Ken Scott che ci si avvicina alla fine della stagione. Dopo la morte della madre, l’indiano Aja parte per Parigi sulle tracce del padre mai conosciuto prima, un prestigiatore parigino che era stato in India ad imparare l’arte dei fachiri. Giunto a destinazione, si rifugia in uno store Ikea affascinato da questo strano mondo così distante dal proprio Paese. Da qui, inizieranno una serie di disavventure che lo porteranno a girare l’Europa e a trovare l’amore della sua vita. Il mese di novembre si chiude il 29 con “La ragazza dei tulipani” di Justin Chadwick, ispirato al romanzo “Tulip Fever” di Deborah Moggach. Ambientata nella fiorente Amsterdam del 1636, la pellicola racconta di Sophia, orfana cresciuta dalle suore che viene presa in sposa da un ricco mercante, Cornelis Sandvoort, molto più vecchio di lei. Lui desidera ardentemente un figlio, ma lei non riesce a darglielo, mettendo così in pericolo il loro matrimonio. I due decidono di posare per un ritratto che li renderà immortali, ma Sophia inizia una relazione con il pittore, un giovane e talentuoso artista, Jan Van Loos, mentre la cameriera di Sophia, Maria, scopre di aspettare un figlio dal ragazzo di cui è innamorata. A chiudere la lunga stagione “Ricchi di fantasia”, film italiano di Francesco Micciché in uscita nelle sale il 27 settembre… oppure il 6 dicembre a Mandello.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco