Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 67.937.286
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Giovedì 25 ottobre 2018 alle 18:33

Lecco: i lavoratori degli appalti ferroviari in sciopero contro 'un sistema al ribasso'

Prestazioni messe a gara e aggiudicate da aziende con ribassi eccessivi che hanno ricadute soltanto sui lavoratori. Continui cambi di appalto, mancata applicazione di clausole sociali e occupazionali senza nemmeno più la possibilità di attingere dagli ammortizzatori sociali.

La stazione di Lecco

E' la situazione che lamentano le segreterie nazionali dei sindacati FILT-CGIL, FIT-CISL, UILT, UGL-TAF, SLM Fast Confsal, vale a dire i referenti delle categorie che riguardano tutto ciò che ha a che fare con trasporti e ferrovie. In questo caso è l'ambito degli appalti ferroviari, relativo più che altro ai servizi di pulizia e di ristorazione sui treni, a chiedere a gran voce più tutele. Per questo, venerdì 26 ottobre è indetto uno sciopero nazionale durante il quale a Lecco si svolgerà un'azione di volantinaggio dalle 11 alle 13 nel piazzale all'ingresso della stazione ferroviaria di Piazza Lega Lombarda. ''E' il terzo sciopero nazionale che viene organizzato nel 2018 per questa categoria'' ha commentato Salvatore Campisi, segretario generale di FILT-CGIL locale. ''La situazione non è più sostenibile. Ogni volta che si va a gara per qualche servizio vengono fatti ribassi esagerati. Questo vuol dire che le aziende che si aggiudicano i lavori, che quindi devono applicare il contratto nazionale delle attività ferroviarie, non ci stanno più dentro con i costi e attivano tutta una serie di escamotage. E così partono i contratti di solidarietà, oppure invocano riduzione del personale''. Il sindacalista ha parlato di una situazione quasi caotica, con lavoratori che passano da un'azienda all'altra, a seconda di chi si aggiudica la tal gara d'appalto. Tutto ciò che non ci vorrebbe per un settore già ampiamente in crisi, come riportato nel volantino con cui i sindacati hanno richiamato i lavoratori a scioperare, e che invece avviene. Il segretario Campisi ha parlato anche di una lunga serie di contratti di solidarietà in scadenza a fine anno rispetto ai quali non si conosce quali saranno le sorti.

A.S.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco