Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 55.837.197
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Lunedì 05 novembre 2018 alle 11:54

Valmadrera: ancora chiusa la strada della Rocca, l'Amministrazione spiega le ragioni

A una settimana di distanza dal violento nubifragio che ha causato non pochi danni anche a Valmadrera, l’Amministrazione comunale interviene per chiarire le ragioni della chiusura - tuttora in atto - della strada della Rocca, precisando come la scelta di non intervenire subito per la rimozione delle piante cadute sia stata dettata da due ragioni principali. Innanzitutto per una questione di sicurezza degli uomini e delle donne impegnati negli interventi in regime di emergenza: nell’immediatezza di quanto accaduto la scorsa settimana, al buio e con una parete sovrastante impossibile da ispezionare, infatti, era troppo elevato il rischio di nuove cadute dall'alto. La seconda ragione, che ha portato a decidere di mantenere la chiusura, è che la strada della Rocca, pur creando dei problemi viabilistici intercomunali, non serve direttamente abitazioni che, in mancanza di ripristino, rimarrebbero isolate. Il fatto di aver adottato un’ordinanza che concede dieci giorni ai proprietari dei terreni da cui sono cadute le piante, del peso di qualche decina di quintali l'una, è proprio legato al fatto che non è sufficiente liberare la strada dagli alberi, ma è assolutamente necessario mettere in sicurezza l'intera area sovrastante, verificando con agronomi se le rimanenti piante sono ben ancorate al terreno e chiedendo una perizia geologica affinché si possa escludere il rischio di caduta sassi.

“Quando avremo queste risposte potremo riaprire la strada della Rocca – ribadisce l’Assessore Tentori -. Anche se fossimo intervenuti direttamente come Comune, tra rimozione e perizie difficilmente avremmo impiegato meno di dieci giorni, periodo dettato soprattutto dalla necessità di garantire la sicurezza. Credo che la vita delle persone sia più importante di qualche chilometro in più da fare per raggiungere Lecco e di qualche coda al semaforo di via Roma”.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco