Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 56.026.133
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Domenica 11 novembre 2018 alle 00:03

Sul medaglione San Martino negato a Riccardo Gatti

Riceviamo e pubblichiamo

Il Comune di Calolziocorte, governato dalla Lega e dal centro destra, ha RESPINTO la nostra proposta, sottoscritta anche da altri 110 concittadini, tesa a conferire il “PREMIO SAN MARTINO” a Riccardo Gatti, quale riconoscimento per il concreto impegno, civile e solidale, nel salvataggio di vite umane nel mar Mediterraneo centrale con la ONG “Proactiva Open Arms”.
L’Amministrazione Comunale non ha probabilmente valutato “premiante” lo straordinario lavoro umanitario, di chi come Riccardo, è impegnato nel soccorso in mare.
Non abbiamo nulla da obiettare rispetto ai soggetti che il Sindaco, Marco Ghezzi, e la giunta (ma anche la sua maggioranza) hanno deciso di insignire quest’anno, ma sottolineiamo però, che, negando il riconoscimento a Riccardo Gatti, si corre il rischio di motivare l’annullamento di quanto da noi e dai molti cittadini proposto, a favore di una cultura di “forsennata opposizione” verso chi svolge un lavoro di assistenza nei confronti di naufraghi, spesso, in pericolo di morte.
Purtroppo un’opposizione non nuova, dal momento che, anche il Governo nazionale, quello gialloverde, con il recente decreto-legge n.113 del 4 ottobre (cosiddetto “decreto sicurezza”), in sfregio: alla Costituzione, alla Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione Europea e alla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, si sta battendo contro gli ultimi, i poveri e i solidali, nel rispetto delle prerogative liberiste che vedono come prima istanza la sacralità dell’individuo più abbiente.
Ribadire che nessuna vita può essere sacrificata sull’altare di interessi politici e verticistici, è il modo più efficace di restare umani in questo momento storico.
Per quanto ci riguarda, dopo che l’amministrazione ha disconosciuto l’impegno di Gatti, negandogli il “premio San Martino”, resteremo ancora più solidali di prima e a fianco di tutti i calolziesi e non che in ogni angolo del pianeta si prodigano, per la costruzione della pace e la salvaguardia delle vite umane.

Gruppo Civico #CambiaCalolzio
Diego Colosimo , Daniele Vanoli
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco