Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 67.935.250
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Lunedì 12 novembre 2018 alle 12:36

Reddito di cittadinanza: nel lecchese ne beneficerà il 4.9% della popolazione, a Crotone il 27.9%

La sensazione che il "reddito di cittadinanza" non sia altro che un aiuto di Stato promesso dai Cinque Stelle al Mezzogiorno trova conferma nell'analisi compiuta dal Sole 24 Ore del Lunedì sugli Isee ordinari degli italiani. Esaminando i dati relativi al 2016 - gli ultimi a disposizione - il quotidiano di Confindustria, prendendo per buono quanto annunciato dai grillini ovvero che il contributo sarà garantito alle famiglie che non superino i 9.360 euro anni, ha suddiviso la platea degli interessati secondo la provincia di residenza, calcolando dunque il riparto dei 9 miliardi di euro stanziati dalla manovra di Bilancio 2019.

Il risultato? A Lecco potrebbero essere 7.000 i nuclei che beneficeranno del "reddito di cittadinanza", così per come ora proposto, pari al 4.9% della popolazione complessiva, una delle percentuali più basse rispetto a tutta la lunghezza dello Stivale, con il Sud a dominare la parte alta di una classifica che vede dietro di noi soltanto il cugini comaschi in 105esima posizione (4.3%), Trento (3.9%), Verbano (3.3%), Belluno (3.3%), Sondrio (3.3%) e Bolzano (2.3%). A svettare, di contro, è Crotone dove invece più di una famiglia su 4 potrebbe vedersi bonificato l'aiuto, avendo un reddito così basso da rimanere sotto la soglia immaginata dalla componente gialla del governo. In seconda posizione Napoli (20.6%), seguita da Palermo (20.5%), Caltanissetta (19.8%) e così via in un sali e scendi tra le province della bassa Italia che non lasciano spazio al Centro-Nord fino alla 35esima piazza di Latina e alla 37esima di Aosta.
Poi è anche vero che il maggior numero di potenziali beneficiari del reddito di cittadinanza vive non solo tra Napoli (229.900 famiglie), Roma (173.200) e Palermo (100.800) ma anche a Milano (103.600) e a Torino (95.900). Ma se la matematica non è un'opinione e dai termini assoluti si passa alla proporzione rispetto alla popolazione, la musica cambia, con buona pace degli imprenditori del Nord più interessati invece dalla flat tax di Salvini.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco