Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 66.182.940
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Mercoledì 14 novembre 2018 alle 18:22

Ottocento Lombardo in mostra a Lecco. Un’occasione sprecata.

Gentili Signori,

venerdì 19 ottobre 2018 a Palazzo delle Paure in Lecco è stata inaugurata con una pubblica conferenza la mostra di pittura e scultura “Ottocento Lombardo”, programmata dal Comune di Lecco; organizzata dalla società ViDi Srl di Milano; curata da Simona Bartolena; programmata dal 20 ottobre 2018 al 20 gennaio 2019.

La mostra è la seconda di sei iniziative, programmatedal 2018  al 2020, per posizionare Lecco nel circuito delle esposizioni culturali quanto meno della Lombardia.

Nelle loro dichiarazioni di intenti, il Sindaco di Lecco Virginio Brivio e l’Assessore alla Cultura Simona Piazza hanno evidenziato la necessità di valorizzare con questo evento il patrimonio artistico presente nei Musei della città nonché la sua esperienza culturale, anche in campo letterario.

Visitata attentamente la mostra, analizzati gli strumenti di comunicazione approntati per la sua promozione e svolgimento, ci sembra di potere affermare con sicurezza che gli orientamenti di Sindaco e Assessore sono stati drasticamente disattesi dagli organizzatori e dalla curatrice.

Volendo riassumere la nostra valutazione per punti facilmente comprensibili anche ai meno esperti d’arte, possiamo sintetizzare le criticità della mostra in cinque punti:

• Solo velati accenni a Manzoni e a “I Promessi Sposi”.

• Amnesia inspiegabile su pilastri della cultura lecchese dell’Ottocento quali lo scrittore Ghislanzoni e i pittori Todeschini e Pizzi.

• Neppure UNA PAROLA sui tanti rapporti, con Manzoni e la sua opera, di molti degli artisti esposti.

• Silenzio tombale sulla rassegna annuale “Lecco città dei Promessi Sposi” 2018 a metà del cui svolgimento è stata inaugurata l’esposizione “Ottocento Lombardo”.

• Una mostra quindi anonima; astratta rispetto all’esperienza culturale di Lecco; inadeguata a richiamare l’attenzione sulla città.

• Di tutta evidenza concepita e realizzata  senza l’indispensabile apporto degli esperti della cultura del territorio.


Sulla base dell’attenzione che il nostro Centro Studi presta alla cultura della Lecco dell’Ottocento, abbiamo ritenuto opportuno indirizzare al Sindaco Brivio e all’Assessore Piazza una lettera aperta con la quale esprimere la nostra valutazione critica sull’evento, per favorire una auspicabile correzione di rotta per le prossime manifestazioni in programma.


Al centro della lettera agli Amministratori,  la nostra analisi si sviluppa in cinque sezioni e ventisette capitoli:

1. Un incredibile scambio di dipinti. Pasticci sulla 3ª Guerra di Indipendenza.
1.1 Nel percorso della mostra e nello pseudo-catalogo confusi due dipinti con soggetti completamente differenti.
1.2 Amnesie sulla 3ª Guerra di Indipendenza del nostro Risorgimento.

2. Criticità ed errori negli strumenti per la promozione della mostra.
2.1 Denominazione anonima; indeterminazione temporale; ricalco esatto di altri recenti eventi.
2.2 Errori rilevanti su manifesti, pannelli e totem.
2.3 Ambiguità nella grafica del logo.
2.4 Inadeguatezza nell’affissione dei manifesti.
2.5 Cartoncini informativi errati, se non ingannevoli.

3. Illustra la mostra uno pseudo-catalogo che di tale non porta neppure il nome.
3.1 Copertina e frontespizio anonimi.
3.2 Presentazioni del Sindaco Brivio e dell’Assessore Piazza relativamente corrette ma completamente disattese.
3.3 Presentazione degli organizzatori che ignora il Comune di Lecco che è partner e committente.

4. Nelle Presentazioni storico-critiche della mostra (22 pagine, 13.000 parole) ZERO riferimenti a Lecco e al territorio; solo vaghi cenni su Manzoni.
4.1 Citazioni di “Lecco” =ZERO / di “lecchese” = UNA
4.2 Citazione de “I Promessi Sposi” = TRE
4.3 Massimo d’Azeglio e Manzoni presentati solo come genero e suocero.
4.4 Citazioni di “Manzoni” = SEI, ma tutte accessorie e incidentali.

5. Ignorati nelle Presentazioni e nei pannelli nelle sale espositive i rapporti tra gli artisti in mostra e Lecco; solo vaghi quelli con Manzoni e le altre figure di spicco della città.
5.1 Hayez / “Il Carmagnola” e il Manzoni dimenticato.
5.2 Hayez / “La monaca”, un evidente “svarione” critico. Un errore di attribuzione ai danni del maestro Todeschini.
5.3 Molteni / Manzoni, il ritratto cancellato, così come la Monaca di Monza.
5.4 Luigi Bisi / Ignorati Manzoni e “I Promessi Sposi”.
5.5 Marco Gozzi / Ignorata Lecco e il territorio.
5.6 Cornienti / Ignorati Manzoni, Lecco e il suo territorio.
5.7 Tranquillo Cremona / Dimenticati Manzoni e “I Promessi Sposi” .
5.8 Giuseppe Bertini / Dimenticati Manzoni e l’episodio di Cecilia nella peste di Milano.
5.9 Domenico e Gerolamo Induno / Ignorati Pescarenico e il monumento a Manzoni in Lecco.
5.10 Giuseppe De Albertis / Ignorati Ghislanzoni, Manzoni, Garibaldi.
5.11 Giuseppe Grandi / Ignorati Manzoni e suo nonno Cesare Beccaria.
5.12 Mosè Bianchi / La Monaca di Monza, di nuovo cancellata.
5.13 Previati / Cancellate le 230 illustrazioni de “I Promessi Sposi”, Hoepli 1900.

Se di suo interesse, per leggere la lettera agli Amministratori e approfondire i ventisette temi sopra esposti per titoli, è sufficiente collegarsi al sito Web del Centro Studi Abate Stoppani, alla pagina:

http://abatestoppani.it/ottocento-lombardo-a-lecco-occasione-sprecata/

A chi ritenesse utile citare su propri strumenti di comunicazione tutta o parte della nostra analisi, diamo la più ampia autorizzazione a utilizzarne testi e illustrazioni, pregando solo di citare il nostro sito come fonte.


Ringraziando per l’attenzione, porgiamo i più cordiali saluti.
Fabio Stoppani - Centro Studi Abate Stoppani
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco