Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 57.306.800
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Martedì 04 dicembre 2018 alle 11:54

Operazione 'Piazza di Spagna'' della GdF: sei misure cauteari per reati di bancarotta

La Guardia di Finanza di Lecco, al termine di una complessa attività d'indagine, ha eseguito sei ordinanze cautelari personali, fra cui una agli arresti domiciliari, un divieto di dimora e quattro misure interdittive, consistenti nel divieto dell'esercizio di professioni e uffici direttivi di società. Complessivamente sono dieci gli indagati appartenenti ad una associazione a delinquere operante prevalentemente in Lombardia e dedita alla commissione dei reati di bancarotta fraudolenta.

L'attività investigativa, coordinata dal Sostituto Procuratore presso la Procura di Milano, Dott.ssa Donata Patricia Costa, è scaturita dal fallimento di una società milanese operante nel settore della pubblicità, già oggetto di una verifica fiscale da parte delle Fiamme Gialle lecchesi. Nel corso delle indagini sono state acclarate numerose condotte illecite a danno dei creditori della fallita; tra cui emerge la distrazione di un immobile di pregio, in Piazza di Spagna a Roma, dal valore stimato di almeno 6 milioni di euro. Ulteriori accertamenti hanno consentito di ben delineare il modus operandi consolidato dalla struttura organizzativa criminale alla quale lo stesso Tribunale del Riesame milanese ha attribuito "una certa sofisticatezza". Gli indagati acquisivano il controllo di società in grave stato di crisi con un appetibile patrimonio immobiliare, attraverso un soggetto giuridico svizzero e successivamente le spogliavano delle proprietà immobiliari di pregio per poi avviarle al fallimento o ad altra procedura concorsuale. Il grave quadro probatorio ricostruito dalla Guardia di Finanza di Lecco ha consentito al PM titolare delle indagini di avanzare le richieste di misure cautelari personali che sono poi state confermate dal Tribunale del Riesame di Milano e dalla Corte di Cassazione. È stato disposto, altresì, il sequestro preventivo per € 4,4 milioni nei confronti dell'acquirente dell'immobile di pregio.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco