Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 57.306.354
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Martedì 04 dicembre 2018 alle 15:19

Colico: due grossi fusti industriali abbandonati nell'Adda

Due grossi fusti industriali, contenenti presumibilmente olio esausto, sono stati gettati nel fiume Adda nei pressi di Via Fuentes a Colico. Un gesto irresponsabile che, per fortuna, non ha provocato danni all'ambiente. Come riferito dal comandante della Polizia locale Edoardo Di Cesare, venerdì sera un passante ha segnalato il fatto alla Protezione Civile che, con l’aiuto dei Vigili del Fuoco, è intervenuta per rimuovere immediatamente i fusti.

“Abbiamo già avviato le indagini per risalire al responsabile – ha dichiarato Di Cesare –. Si tratta, probabilmente, di qualche officina o meccanico, ma stiamo ancora facendo le verifiche del caso”. Per il non corretto smaltimento dei rifiuti la sanzione, secondo il regolamento comunale approvato lo scorso anno, varia da 100 a 500 euro, a cui possono essere sommati i provvedimenti (anche penali) previsti dal testo unico per i reati ambientali. L'Amministrazione Comunale di Colico ha già espresso il proprio sdegno per “un atto altamente incivile e potenzialmente lesivo per l'ecosistema naturale del nostro territorio", precisando altresì che "le operazioni svolte dal Comando di Polizia Locale si inseriscono in una costante opera di repressione e prevenzione del fenomeno dell'abbandono di rifiuti e gestione non corretta degli stessi”. In questi ultimi due anni sono state emesse ben 65 sanzioni. Il sistema di telecamere, potenziato dopo l’insediamento della giunta di Monica Gilardi, punta a prevenire il fenomeno del non corretto conferimento dei rifiuti. “Per fortuna – ha rassicurato il Comandante – non sono tanti i reati con un forte rischio ambientale, ma dobbiamo vigilare per colpire chi non rispetta le regole. Le telecamere ci sono, ma non sempre sono sufficienti per rintracciare il colpevole. In condizione di buio, infatti, non sempre riusciamo ad avere un’immagine sufficientemente nitida. Ad ogni modo, il nostro è un impegno costante per far rispettare in modo adeguato le regole e sanzionare chi non lo fa”. Anche il sindaco Gilardi ha espresso personalmente tutto il suo rammarico per l’accaduto. “Vogliamo sensibilizzare i cittadini al corretto smaltimento dei rifiuti: ancora oggi sono tanti i sacchi neri non conformi. Dobbiamo tutelare il nostro territorio e ognuno deve fare la propria parte, sempre”. L’Amministrazione ha poi lanciato un appello ai colichesi: in caso sorgessero dei dubbi sulle modalità di smaltimento dei rifiuti, o per particolari esigenze, il Comune è disponibile a qualsiasi chiarimento in materia.
B.V.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco