Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 57.306.342
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Mercoledì 05 dicembre 2018 alle 11:15

Barzio: l'8 un'iniziativa su Giovenale Sacchi


La prima esecuzione moderna delle musiche scritte da Giovanni Battista Martini per il dramma sacro Giuseppe venduto di Giovenale Sacchi (1726-1789), barnabita di stirpe barziese, è il cuore dell'iniziativa in programma sabato 8 dicembre a Barzio. Considerato uno dei principali scrittori di musica del Settecento, autore di trattati sulla storia, l'estetica e la teoria della musica, Giovenale Sacchi scrisse, fra l'altro, la prima biografia del castrato Farinelli, uno dei più celebri cantanti di ogni tempo. Le sue opere conobbero notevole risonanza internazionale, gli procurarono l'amicizia e la stima di alcuni fra i principali studiosi europei dell'epoca e significativi riconoscimenti accademici, tanto che un suo ritratto figura nella quadreria dei musicisti raccolta da padre Martini, oggi conservata nel Civico Museo Bibliografico Musicale di Bologna.
Proprio a padre Giovanni Battista Martini, il grande storico della musica, didatta e compositore, Sacchi chiese di comporre i cori per due suoi lavori, i drammi sacri Giuseppe venduto e La deposizione dalla croce di Nostro Signore Gesù Cristo. La musica per queste opere, già creduta persa, è stata ritrovata nel Civico Museo Bibliografico di Bologna e trascritta per cura del musicologo Angelo Rusconi. I cori del Giuseppe venduto, costituiti da terzetti vocali con accompagnamento strumentale, possono così risuonare nuovamente in un concerto che avrà inizio alle ore 16.30 presso la Chiesa parrocchiale di Barzio. Gli interpreti chiamati a ridare vita ai pezzi di Martini sono il soprano Kaori Yamada, il mezzosoprano Dyana Bovolo e il basso Alessandro Ravasio, accompagnati da Aude Valentini e Chiara Ballabio ai violini, Susanna Tognella alla viola e Massimo Borassi all'organo.
Prima del concerto, alle ore 15.30 presso Palazzo Manzoni (sede del Comune), il musicologo Angelo Rusconi e lo storico Gianfranco Scotti delineano brevemente la figura di Giovenale Sacchi e i suoi rapporti con vicende e personaggi del territorio lecchese, introducendo inoltre i brani che saranno eseguiti.

L'iniziativa fa parte del progetto triennale "Il libro, la voce, l'immagine", realizzato dalla Biblioteca Comunale di Barzio e dall'associazione Res Musica con il contributo di Fondazione Cariplo, della Banca della Valsassina-Credito Cooperativo e del Comune di Barzio .

L'ingresso è libero.

© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco