Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 57.307.637
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Mercoledì 05 dicembre 2018 alle 13:16

Cambia Calolzio propone al Comune di 'riciclare' gli alberi di Natale

Il gruppo civico Cambia Calolzio ha simbolicamente richiesto nell'ottobre del 2017 alla precedente amministrazione l'uso di un piccolo spazio verde comunale, per procedere alla messa a dimora di alcuni arbusti autoctoni (due cornioli e due ballon di maggio) ricevuti dall'Ente Regionale per i Servizi all'Agricoltura. "Abbiamo fatto ciò - ricordano Federica Rota e Valeria Bianco - per richiamare l'attenzione sull'importanza dei molti benefici che gli alberi, diversamente dal cemento e dall'asfalto, apportano all'ambiente e alla salute. A tal riguardo, considerato che alcuni cittadini, dopo aver acquistato abeti veri per qualche giorno, poi li abbandonano, abbiamo chiesto al Sindaco Marco Ghezzi di prendere in considerazione l'idea di fare un diffuso appello alla cittadinanza di "non buttare l'albero di Natale" dando così la possibilità a tutti i cittadini di consegnarli al Comune di Calolziocorte per poi essere messi a dimora, con i dovuti accorgimenti, nelle aree verdi comunali" proseguono le due esponenti del gruppo. "Nella nostra proposta al Sindaco abbiamo ricordato che quelli non più in grado di attecchire potranno essere trasformati in materiale "pacciamante", cioè in materiale organico che consente di creare uno strato protettivo al di sotto delle piante, in fase di messa a dimora, apportando così non solo notevoli vantaggi ai giardini, ma anche metterlo in azione una buona pratica per riciclare materiale vegetale di scarto. Più alberi e meno betoniere è una importante opera da perseguire anche per la qualità della vita delle future generazioni; in più, nel trapiantare alberi che potrebbero finire al macero si va ad operare concretamente nella sfera del recupero, riuso, riciclo contro spreco e smaltimento. Chi beneficerà di questa proposta che Le abbiamo avanzato saranno i cittadini, l'ambiente, il clima e la salute".
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco