Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 57.304.424
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Giovedì 06 dicembre 2018 alle 13:44

Lecco: per i lavori pubblici 20 milioni in tre anni, il Teatro pronto entro la fine del mandato

Corrado Valsecchi
Un programma triennale dei lavori pubblici da oltre venti milioni. Ieri sera, mercoledì 5 dicembre, l’assessore Corrado Valsecchi ha presentato il documento aggiornato, spiegando che è propedeutico all’approvazione del Bilancio. Nella parte del documento finanziario che contempla gli investimenti che andrà a fare l’Amministrazione nel prossimo triennio è necessario infatti imputare tutte le spese programmate per i lavori pubblici che superano i 100mila euro. L’assessore competente ha illustrato quali sono questi interventi. Per le manutenzioni delle strade e la segnaletica sono previsti 500mila euro per ogni anno; 650mila euro serviranno per i lavori di ristrutturazione della scuola primaria Cesare Battisti e per la secondaria Stoppani, una bella somma, ma bisognerà rifare anche gli impianti di riscaldamento; mentre 2,3 milioni sono stati previsti nel 2019 per i lavori alla scuola di via Ghislanzoni. Sia nel 2020 sia nel 2021 sono previsti un milione di euro per la manutenzione straordinaria degli edifici comunali, mentre per gli interventi operativi al Teatro della società andranno 1.348.000 euro: “Abbiamo già bandito la prima fase e sono arrivate le domande di partecipazione, ma per altre urgenze non siamo ancora riusciti ad affidare la progettazione, procederemo entro la prima settimana di gennaio. Entro la fine della consiliatura i lavori dovrebbero essere terminati” ha spiegato il dirigente Davide Cereda. Per il Palazzo di giustizia - altra opera molto attesa - sono stati impegnati 338mila euro per le verifiche di vulnerabilità, mentre sono previsti otto milioni per la progettazione e la direzione dei lavori: quattro milioni li stanzia il Cipe, gli altri quattro si pensava arrivassero dall’alienazione dell’edificio di via Roma, ma, com’è noto, non si sono al momento acquirenti interessanti. “Ci affidiamo all’alienazione dello stabile comunale di via Sassi” ha spiegato Corrado Valsecchi. Gli uffici e le attività lì presenti si trasferiranno infatti nella nuova sede di via Marco d’Oggiono, per riqualificare la quale il Comune investirà nel 2020 quattro milioni: “servono per metterla a norma e renderla funzionale” ha detto l’assessore. Per la riqualificazione e la messa in sicurezza dei parapetti del ponte Kennedy  sono previsti 250mila euro, ma questa spesa verrà divisa con il Comune di Malgrate e l’Autorità di bacino. Sono previsti degli investimenti anche per il rifacimento del Sentiero del viandante nella parte che da Lecco va ad Abbadia: 360mila euro, finanziati in parte dal progetto Interreg. “La prima parte del tracciato è ben messa e non avrebbe bisogno di grandi interventi - ha detto ancora Valsecchi - ma nel tratto che dalla trattoria Bodega va ad Abbadia la situazione è critica”. In vista dell’acquisizione della area La Piccola l’Amministrazione ha immaginato di spendere 200mila nel 2019 per i piccoli interventi di riqualificazione che si renderanno necessari nell’immediato. Infine sul 2021 saranno stanziate le risorse per il porto turistico della Malpensata e per il Lungo lago di Lecco. “Sono due elementi che fanno parte della stessa partita e sono opere che a tutti stanno a cuore” ha commentato l’assessore. Il programma prevede 1.150.000 per il porto e due milioni per il lungolago. “Sono cifre insufficienti - ha aggiunto Valsecchi - ma sono il primo step possibile e finanziabile, non abbiamo voluto esercitare chissà quali prospettive sul 2021 perché ci sarà una nuova amministrazione che avrà il diritto e il dovere di incidere”. Il dirigente ha invece assicurato che il concorso di idee per il Lungo lago presto verrà bandito: “C’è una criticità legata all’ordine degli architetti che ha un format particolare per la pubblicazione sulla propria piattaforma che non si concilia con il nostro bando il quale prevede l’affidamento della progettazione fino alla prima fase. Abbiamo inserito un vincolo nel bando per superare questa criticità”.
M.V.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco