Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 57.247.928
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Venerdì 07 dicembre 2018 alle 09:18

Calolzio: in arrivo una serie di colonnine per la ricarica delle auto elettriche, ecco dove

La piantina utilizzata per indicare le zone prescelte per l'installazione delle colonnine
L'amministrazione comunale di Calolziocorte è pronta a compiere un passo... nel futuro. Su sollecitazione delle diverse compagnie che si occupano del servizio, interessate alla "piazza" cittadina, la Giunta del sindaco Marco Ghezzi con il supporto dell'ufficio tecnico ha individuato diverse aree su cui, tramite la sottoscrizione di apposito accordo, potranno essere installate - a completo carico dell'operatore - una serie di colonnine per la ricarica delle auto elettriche o comunque ibride, descritte dal primo cittadino - particolarmente addentro al tema visto le sue competenze professionali - come l'immediato punto di arrivo nel settore delle quattro ruote con le vendite destinate, grazie anche ai contributi riconosciuti, a seguire un vorticoso trend in crescita.
Due le postazioni al momento già in funzione a Calolzio: quella presso l'Iperal di Sala e quella recentemente attivata all'Osteria Marascia al Lavello, ovviamente per iniziativa di privati.
Sottoscritte poi - a giugno 2018 - due convenzioni Comune-Proprietà con la Gavazzi e l'Immobiliare Cristalli.
Sempre su aree private, per legge, dovranno essere previste anche nell'ambito dell'intervento in Corso Europa nell'ex area Brambilla, in zona Cantelli (Immobiliare Celca) e alla Metalrottami.
Le aree pubbliche individuate dall'amministrazione, così come elencate da Ghezzi affiancato dall'architetto Federici, sono infine il parcheggio del centro sportivo, il parcheggio di Corso Dante dove vi era la centralina Arpa ora dismessa, l'area verde di fronte alla caserma dei Carabinieri o in alternativa l'area attigua alla sede dei Volontari del Soccorso, la zona del Cimitero di Rossino, il parcheggio del Poliambulatorio a Sala, l'area dell'interscambio, la zona Cantelli dove sorgeva l'ex antenna, piazza Vittorio Veneto, piazza del mercato e piazza Volontari del sangue. Per ubicazione, chiaramente, alcuni punti sono, già sulla carta, più appetibili di altri. Per evitare dunque che un operatore del settore si accaparri le zone più pregiate, non incentivando i concorrenti a farsi avanti per le rimanenti, si inseriranno dei paletti - ha spiegato il tecnico - per una equa distribuzione dei permessi. "A carico del Comune non vi sarà nessuna spesa" ha aggiunto il sindaco. "Noi diamo solo l'area". Ogni postazione, con ogni probabilità, potrà ricaricare due auto.
Daniele Vanoli, per Cambia Calolzio, accogliendo favorevolmente la novità ha chiesto altresì all'amministrazione di fare compiere un ulteriore passo, riconoscendo ai possessori di auto elettriche la possibilità di parcheggiare gratuitamente negli stalli a righe blu della città. Una proposta, al momento, a detta del borgomastro, di difficile attuazione per la difficoltà nel riconoscere le vetture da esentare dal pagamento con la misura che dovrebbe poi essere inserita in un quadro normativo forse più ambio sul tema specifico degli sgravi a sostegno delle scelte "eco".
A.M.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco