Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 63.016.133
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Martedì 18 dicembre 2018 alle 13:00

Calolzio, scuola di Sala: alla fase 1 seguirà la 2, con un terzo 'step' per l'ampliamento

Per settembre 2019 la frazione calolziese di Sala avrà un Polo scolastico unico, con le due strutture dell’Infanzia e della Primaria adeguatamente adattate per rispondere alle esigenze di tutti. Il progetto dell’Amministrazione Comunale per il plesso di via Ausonia – definito dal consigliere Fabio Mastroberardino “aperto”, dunque pronto ad essere modificato in qualsiasi momento – prevede allo stato attuale tre fasi distinte, che si auspica possano giungere a conclusione tra il 2020 e il 2021.



Se i risultati della prima (ne abbiamo parlato qui) dovrebbero vedersi già entro il prossimo 6 gennaio, grazie a tutti gli interventi necessari per dividere gli ambienti dedicati ai due diversi ordini ed introdurre i correttivi richiesti dal personale scolastico, soprattutto all’interno dell’area bagni, le prime modifiche sostanziali dovrebbero invece concretizzarsi, appunto, per l’inizio del prossimo anno di lezioni.


Il consigliere Fabio Mastroberardino e il sindaco Marco Ghezzi



“La seconda fase di lavori prevede la realizzazione di due accessi diversi rispettivamente per i piccoli dell’Infanzia e per gli alunni della Primaria, nonché di altrettanti locali mensa per una migliore organizzazione della distribuzione dei pasti” ha spiegato il consigliere, nonché architetto, Fabio Mastroberardino, intervenuto nuovamente a Sala nella serata di lunedì 17 insieme al sindaco Marco Ghezzi e all’assessore Tina Balossi, tra il pubblico insieme a genitori e insegnanti. “Grazie a queste opere, l’Infanzia avrà a disposizione 100 metri quadrati in più rispetto ad ora, con il salone centrale dotato anche di un palco per recite ed eventi, nuovi giochi e una stanza per il “riposo”, oltre naturalmente alle aule per la didattica, al locale mensa e ai bagni, adattati già nelle prossime settimane, secondo il cronoprogramma”.


Due prospetti della seconda fase del progetto



Sempre nell’ottica di un’ottimizzazione degli spazi, al primo piano dell’edificio verrà posato un pavimento traslucido per coprire il “foro” centrale e creare così un ampio salone per alunni e insegnanti della Primaria, coloro che beneficeranno in maniera importante dei lavori inseriti nella terza fase: secondo il progetto attuale – firmato dall’ufficio tecnico comunale e dall’architetto Mastroberardino – tra il 2020 e il 2021 sarà infatti edificata una nuova struttura esterna affacciata su via Erta, per un ampliamento dello spazio a disposizione della Primaria di circa 250 metri quadrati complessivi. A questo proposito, l’Amministrazione immagina già una costruzione altamente tecnologica, realizzata con materiali all’avanguardia e di alta sostenibilità ambientale, anche se per vedere il progetto sulla carta è ancora presto. “Per ora vogliamo rassicurare tutti i genitori interessati a iscrivere i loro figli alla scuola di Sala: per il prossimo anno, grazie al Polo unico, non ci saranno problemi per nessuno” hanno voluto sottolineare il sindaco Ghezzi e il consigliere Mastroberardino, dettisi più che convinti della strada intrapresa.
B.P.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco