Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 63.018.355
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Martedì 08 gennaio 2019 alle 16:13

Lecco: è mancato Sergio Todeschini, violinista e direttore d’orchestra

E’ deceduto all’età di 95 anni, il maestro Sergio Todeschini, noto musicista, violinista diplomato, compositore e direttore d’orchestra, nel periodo d’oro del Cral Moto Guzzi di Mandello Lario.

Sergio Todeschini

Sergio Todeschini mostrava, con orgoglio, la sua carta di identità che portava ancora l’indicazione di nascita nel vecchio Comune di Acquate, nel dicembre 1923, pochi mesi prima dell’assorbimento avvenuto il 1° marzo 1924 nella “grande Lecco”. Sergio Todeschini abitava in via Mascari dal 1970, quando era giunto da Mandello Lario, dopo essere stato impegnato presso la Moto Guzzi. Nell’impresa aveva diretto l’orchestra del Cral aziendale, che ebbe momenti di larga popolarità. Fu, ad esempio, alla ribalta dello spettacolo “Lascia o Triplica”, all’oratorio San Luigi di Lecco centro, che “copiava” lo straordinario successo della RAI TV, con il gioco quiz di “Lascia o Raddoppia”, condotto da Mike Bongiorno.

L’orchestra Cral Moto Guzzi di Mandello Lario

Era quest’ultima la trasmissione televisiva del giovedì sera, che “fermava” l’Italia. “Lascia o triplica” si svolgeva, invece, il sabato sera nel cine teatro  che era gremitissimo già mezz’ora prima dello spettacolo e tanto pubblico sostava all’esterno. La parte musicale di “Lascia o Triplica” era affidata all’orchestra Cral Moto Guzzi, diretta da Sergio Todeschini ed all’orchestra Azalea di Peppino Mazzoleni, lecchese del quartiere Castello.

Il palcoscenico di “Lascia o Triplica”

“E’ stata una vita spesa nella grande passione per la musica, quella di Sergio Todeschimi – ricorda commosso Peppino Mazzoleni – E’ stato un grande interprete di violoncello, direttore d’orchestra, maestro di musica di tanti giovani”. A “Lascia o Triplica”, che era condotta dal lecchese Gustavo Gnecchi, deceduto anni or sono, c’era pure una valletta giovanissima, Gisella Stefanoni, che veniva da Mandello Lario, sorella minore di un campione di remo della Moto Guzzi. Anche Gisella Stefanoni è già deceduta. Sergio Todeschini lascia la consorte Rosanna Gianetti, sposata nel 1954, con i figli Marco e Mara. Il funerale verrà celebrato venerdì 11 gennaio, alle 14.30, nella Basilica di San Nicolò in Lecco. Seguirà la sepoltura presso il cimitero Monumentale di via Parini. La camera ardente è stata allestita presso la clinica Beato Talamoni, delle suore Misericordine, in via San Nicolò, sino alle ore 13.30 di venerdì 11 gennaio.
A.B.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco