Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 59.337.129
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Giovedì 10 gennaio 2019 alle 11:15

Malgrate: minore aggredito e rapinato al parco. Agli arresti domiciliari un 21enne

I carabinieri del comando provinciale di Lecco hanno tratto in arresto Saquib Ali Awan Mohammad, 21enne di Cesana Brianza, per i reati di rapina aggravata e furto aggravato. Il provvedimento è scaturito da un'ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari richiesta dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lecco nella persona del dr.Andrea Figoni, sulla base delle indagini condotte dai militari della stazione di Valmadrera. Lo scorso 6 agosto infatti, un ragazzo minorenne era stato vittima di una rapina nel territorio di Malgrate, presso il parchetto adiacente a Via Ugo Foscolo.

Un fotogramma relativo al furto della bicicletta avvenuto a Cesana Brianza

In particolare il quattordicenne, mentre si trovava in quell'area pubblica unitamente ad alcuni suoi amici, era stato raggiunto da tergo dal Mohammad e colpito con un pugno alla testa che lo aveva fatto cadere al suolo; lì era stato poi tempestato di calci e schiaffi e infine derubato del marsupio che portava a tracolla e che conteneva uno smart-phone e pochi euro. Pochi giorni dopo, nella mattinata del'8 settembre, il 21enne cesanese si è reso responsabile del furto di una bicicletta con pedalata assistita del valore di 5.000 euro, sottratta all'esterno di un supermercato di Cesana Brianza, ai danni di un cliente dell'esercizio commerciale. In quell'occasione, i carabinieri di Valmadrera, intervenuti prontamente sul posto, hanno analizzato le immagini della videosorveglianza presente in quell'area, individuando il responsabile. L'immediata perquisizione domiciliare consentiva ai militari di rinvenire all'interno dell'abitazione, in uso all'indagato, la bicicletta sottratta pochi istanti prima. Nel corso della medesima perquisizione era stato trovato anche un ciclomotore "Fantic Motor" che, al termine degli accertamenti, risultava essere provento di un furto perpetrato qualche settimana prima all'interno di un'abitazione privata di Malgrate, con l'aggravante che il Mohammad, in quella circostanza, si avvaleva della complicità di un minorenne. La refurtiva era poi stata immediatamente restituita ai legittimi proprietari. Nella giornata di mercoledì 9 gennaio l'indagato è stato interrogato dal GIP del Tribunale di Lecco che, al termine dell'udienza, ha confermato la misura degli arresti domiciliari.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco