Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 59.336.263
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Giovedì 10 gennaio 2019 alle 22:02

Calolzio: è scomparso il dr. Gianfranco Brini, medico e fondatore dei Volontari del Soccorso

Il dr. Gianfranco Brini
La città di Calolzio perde una delle sue figure più note e apprezzate, medico per vocazione e scrittore per passione: è scomparso quest’oggi, giovedì 10 gennaio, il dr. Gianfranco Brini, classe 1937, fondatore insieme ad altri 16 amici, nel 1970, dei Volontari del Soccorso, associazione che tuttora continua a macinare chilometri grazie anche e soprattutto al fondamentale impegno dei suoi “pionieri”.
“Grazie alle sue competenze, Gianfranco è stato subito scelto come direttore sanitario, oltre che come primo presidente, una carica che ha poi ricoperto per diversi anni” ha ricordato Vladimiro Dozio, un altro dei “papà” del sodalizio, con cui il dr. Brini ha condiviso “giorni – e soprattutto notti – di intenso lavoro per la crescita dei Volontari”.
Fierissimo calolziese, il professionista ha dedicato tutta la sua vita e la sua carriera a quella che lui stesso definiva una “vocazione”, condivisa con il fratello Dario e poi tramandata anche ad uno dei suoi due figli, come dottore di famiglia in città e successivamente anche come medico fiscale in una società con sede a Lecco. “Nel profondo dell’animo, però, mi sento ancora un contadino” aveva dichiarato il dr. Brini nel corso della serata di presentazione – andata in scena nell’aprile 2016 – di alcuni suoi racconti brevi racchiusi in volumi già editi, in cui aveva ricordato con affetto e un pizzico di nostalgia alcuni episodi della sua infanzia e gioventù.Come accennato, il camice bianco era infatti appassionato di scrittura, “un’arte legata alla medicina da un fil rouge, dallo stesso desiderio di conoscenza, di condivisione, di altruismo, di voglia di donare qualcosa agli altri”. Questa, insomma, la filosofia di una persona che ha sicuramente lasciato un segno profondo nella comunità di Calolzio, come medico e come uomo che non ha mai esitato a spendersi in prima persona per gli altri: il dr. Gianfranco Brini faceva parte anche del Lions Club Val San Martino, di cui era uno dei volti più conosciuti e attivi.
Il funerale si svolgerà sabato 12 gennaio alle ore 10.00 nella Chiesa Parrocchiale della frazione di Sala.
B.P.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco