Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 67.700.272
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Venerdì 11 gennaio 2019 alle 15:35

In tre anni in Provincia di Lecco raccolti 330 mila kg di vestiti nei 32 cassonetti gialli di HUMANA disseminati in 16 Comuni

Grazie al cappotto della stagione scorsa, ormai passato di moda, un bambino in Malawi ha potuto apprendere la tabellina del 9. Quei vecchi jeans rimasti per anni in un cassetto, nella vana speranza, di tornare un giorno (mai arrivato) a vestire una taglia 36 hanno invece contribuito a formare una mamma del Mozambico per scongiurare la trasmissione dell’HIV. Magliette e golfini “dismessi” dai lecchesi hanno negli anni germogliando, dando frutti forse forse inaspettati anche da chi, per sbarazzarsene, nel tempo, ha scelto di preferire al sacco del pattume i cassonetti gialli disseminati territorio.

(Foto HUMANA)

I dati sulla raccolta e su quanto poi fatto con i proventi di questa “colletta” arrivano direttamente da HUMANA People to People Italia, l’organizzazione umanitaria indipendente nata nel 1998 che, attraverso l’omonima cooperativa, si occupa – così come altre realtà - di tale attività gestendo 32 contenitori in 16 comuni del lecchese, da Molteno a Monticello, da Carenno a Osnago. Il capoluogo, complice anche la propria “stazza” in termine di numero di abitanti, conquista d’imperio il gradino più alto del podio quanto a materiale conferito: sono stati ben 139.369 i chili di vestiti donati negli ultimi tre anni (tra i gennaio 2016 e il dicembre 2018). Seguono Robbiate (40.305 chili) e Cernusco (31.875 chili), con il cassone posto in un punto di grande passaggio, nella zona commerciale del paese, comoda per chi vuole fare spazio nell’armadio prima di darsi allo shopping.
Restando nel meratese, in elenco, troviamo anche Calco (9.615 chili nel triennio) e Osnago (17.430 chili). Cambiando zona, a Missaglia sono stati 18.184 i chili raccolti, nella vicina Monticello 5.900 mentre a Castello Brianza 6.100. Il quantitativo torna a crescere a Molteno (10.540) e a calare, poi, a Rogeno (5.680) ed a Oggiono (2.660). Nel lecchese, Olginate ha superato i 18.000 chili (18.080 per la precisione), Valgreghentino è arrivata a 13.180, Vercurago a 5.280, Valmadrera a 5.620 e la “baby” Carenno a 1.700.
Negli ultimi tre anni, grazie alla collaborazione con la provincia di Lecco, dunque, complessivamente, sono stati raccolti circa 330.260 chili di abiti usati, scarpe e accessori.

Un'immagine del centro di smistamento

Anche grazie a queste donazioni HUMANA sostiene concretamente progetti di sviluppo nel Sud del mondo e azioni sociali in Italia. Nel 2017 l’organizzazione ha destinato oltre 1,5 milioni di euro a 41 progetti di assistenza all’infanzia, di accesso scolastico, di formazione sui temi dell’accesso al cibo e dell’agricoltura sostenibile, di prevenzione dell’HIV e di lotta alla tubercolosi nel sud del Mondo e attività solidali in Italia.

Bambini del Mozambico convolti nel progetto cibo per l'istruzione

A ciò si aggiungono importanti benefici ambientali: grazie agli oltre 330 mila chili di indumenti raccolti nei Comuni lecchesi negli ultimi tre anni è stato possibile evitare l’emissione di circa 1.189.000 chili di anidride carbonica, evitare lo spreco di oltre 1.981.548.000 di litri di acqua e scongiurare l’utilizzo di 99 mila chili di pesticidi e di oltre 198 mila chili di fertilizzanti.
Il servizio di HUMANA è gratuito e il fatto che gli abiti siano conferiti nei contenitori dell’organizzazione umanitaria consente alle Amministrazioni Comunali, e quindi ai cittadini, di ridurre i costi di smaltimento rifiuti (poiché gli abiti non finiscono nella raccolta indifferenziata), con un conseguente risparmio economico di oltre 49 mila euro (cifra stimata da gennaio 2016 a dicembre 2018).
Usare il cassonetto diventa così un piccolo gesto, ma di cuore. Con buona pace dal dover dire addio a quel vestitino tanto bello ristrettosi in lavatrice o quelle sneaker così comode ormai distrutte dopo aver macinato chilometri e chilometri. 
A.M.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco