Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 61.292.781
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Giovedì 17 gennaio 2019 alle 18:37

Galbiate: più di 5 milioni in opere pubbliche in 5 anni. Ecco i progetti di riqualificazione per il 2019

A Galbiate, in attesa della chiusura di un capitolo, già ci si prepara a scriverne uno nuovo: nonostante la vista in lontananza della fine del mandato dell'attuale Amministrazione Comunale, "Agenda Galbiate" inizia infatti a mettere sul tavolo di lavoro una serie di interventi pronti a partire nei prossimi mesi, già finanziati e in parte appaltati, per i quali la maggioranza ha già stanziato la consistente cifra di un milione e 338mila euro.
"Il fatto che fossimo in chiusura di mandato non ci ha rallentato, anzi ci siamo mossi in modo importante sugli investimenti" ha esordito il vicesindaco Daniele Gasperini. "Come sempre, abbiamo deciso di dare la priorità alle scelte di riqualificazione delle strade e abbiamo inserito un'ulteriore voce importante, ovvero quella relativa alla palestra di Villa Vergano".

Benedetto Negri e Daniele Gasperini

Ma andiamo per ordine. Il primo intervento in programma per il 2019 riguarderà la manutenzione straordinaria per l'asfaltatura delle strade comunali di via Vignazza (Galbiate), via Brianza (Villa Vergano), Largo Indipendenza (Galbiate), via Pietro Nenni (Sala al Barro), via Valle Grossa (Bartesate) e via Per Piazza (Bartesate), alle quali il Comune ha riservato la somma di 200.000 euro. A questa prima operazione seguirà poi l'asfaltatura della pavimentazione stradale dei tratti verso il Monte Barro - nello specifico il Lotto 3, sul quale erano già stati effettuati alcuni interventi - fino al Piazzale degli Alpini, per la cifra di 95.000 euro. Un intervento, questo, nel quale il borgomastro Benedetto Negri si è detto particolarmente fiducioso, vista la rilevanza turistica dell'Eremo, provvisto di ostello, ristorante e museo.
Per quanto riguarda la "questione Camporeso" - per la quale l'Amministrazione ha deciso di versare 220.000 euro - ad occuparsi della gara d'appalto interverrà la Provincia, mentre il Comune si è preso l'incarico di concordare con i vicini l'allargamento della strada a quattro metri e la messa in sicurezza di quest'ultima grazie all'aggiunta di un guardrail protettivo.
Sara invece di 58.000 euro la somma (già appaltata) dedicata al restauro e risanamento preservativo del Monumento ai Caduti in Largo Indipendenza, il quale vedrà altresì la collaborazione delle Penne Nere galbiatesi che contribuiranno dal punto di vista dell'illuminazione. L'intenzione degli "addetti ai lavori" è quella di iniziare il prima possibile con le operazioni, in modo che entro il prossimo 25 aprile i cittadini potranno almeno avere davanti agli occhi un cantiere in fase di arrivo.
Per quanto concerne le opere di adeguamento degli impianti elettrici e d'illuminazione pubblica del centro di Galbiate, l'unica cabina elettrica per ora esistente nel cuore del borgo verrà sdoppiata e una "sorella" sarà così aggiunta all'altezza del tratto di strada che dal centro si snoda fino alle scuole elementari: il tutto per un totale di 95.000 euro.
Sul fronte stradale, per i primi mesi del 2019 è invece prevista una verifica generale relativa al cavalcavia della Strada Provinciale che - passando di fronte al Centro Sportivo di Sala al Barro - si snoda in direzione Oggiono. Come spiegato dal borgomastro e dal suo vice, sarà infatti effettuata una verifica dei ponti - per la somma di 20.000 euro - caratterizzata da diverse prove di carico con l'utilizzo di camion, volte a verificare la stabilità del cavalcavia (in particolar modo vista la quantità di mezzi pesanti che lo attraversano).
Ad essere messa definitivamente in sicurezza sarà, poi, anche la strada verso San Michele, di proprietà comunale pescatese. In questi giorni, infatti, i sindaci di Galbiate e Pescate, insieme al Presidente del Parco Monte Barro (nonché della Baita di Pescate) Federico Bonifacio, si sono incontrati concordando le seguenti cifre: 27.500 euro stanziati dall'Ente Parco, 15.000 euro da parte di Galbiate e 5.000 per mano di Pescate. L'obiettivo sarà quindi quello di palificare, e successivamente riasfaltare, il tratto di strada che aveva ceduto.
Ultimo punto in programma, ma decisamente non per importanza, la riqualificazione della palestra di Villa Vergano: per ora ancora "congelata" alla fase di preparazione di uno studio di fattibilità, ma già provvista di 650.000 euro dedicati alla sistemazione delle coperture, alla costruzione di gradinate e tribune, al rifacimento della pavimentazione ormai usurata ed a quella dei bagni.
"Questi sono interventi che partiranno quasi tutti prima della primavera" hanno proseguito i due volti portanti di "Agenda Galbiate". "La palestra sarà un passaggio un po' molto lungo perché sarà necessario dare l'incarico a dei professionisti, ma per quanto riguarda le asfaltature, le meno problematiche verranno effettuate prima delle elezioni. In ogni caso i soldi ci sono. In questi cinque anni l'Amministrazione di Galbiate ha investito più di cinque milioni di euro sulle opere pubbliche e sui lavori" hanno poi concluso Negri e Gasperini, ricordando l'ultima importante operazione agli infissi delle scuole medie, nonché il significativo contributo di Lario Reti Holding, che nel galbiatese nell'ultimo quinquennio ha investito più di un milione e mezzo di euro sull'acquedotto e le fognature. Oltre alla cifra citata, sempre grazie a LHR nel mese di febbraio proseguiranno i lavori sull'acquedotto, coinvolgendo via Primo Maggio, via Raveto, via Teresa Olivelli e via Fani, nonché via San Bernardino e lo storico acquedotto di Poaniano. Degna di nota, infine, la conclusione dei lavori di riqualificazione di Piazzale Enrico Mattei - lo spiazzo d'asfalto che funge da crocevia tra la provinciale SP70 per Colle Brianza, via Cappelletta e via Valle Grossa - il quale sarà presto provvisto di una nuova pensilina per l'autobus.
F.A.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco