Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 61.122.257
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Venerdì 01 febbraio 2019 alle 11:35

Basta speculare sui migranti

BASTA SPECULARE SUI MIGRANTI, OCCORRE RITROVARE LE RAGIONI DEL CUORE E DELL' INTELLIGENZA, PERCHE' LA GIUSTIZIA NON E' UN OPTIONAL !

Stiamo assistendo, in particolare in questi giorni, ad una vera e propria indigestione mediatica sulla triste vicenda dei migranti salvati in mare. Non passa giorno che non ci vediamo inondati, specialmente a cura di certi canali televisivi, di immagini ed interviste che vorrebbero (un po' "spettacolarmente", guarda caso) far emergere le ragioni degli uni e degli altri sui pro e sui contro questo tipo di vicende. Anche su alcuni media locali si sono visti interventi quasi da retorica tifoseria che non aiuta certamente una riflessione ed un'azione comune orientata ad individuare le soluzioni migliori anche rispetto al livello d'accoglienza ed integrazione territoriale più congruo. Un conto è organizzare occasioni non superficiali di approfondimento anche "pratico" e di motivate prese di posizione, un conto è speculare politicamente (dall'una e dall'altra parte) su queste delicatissime questioni. Occorrerebbe invece, ben al di là delle logiche di "schieramento", porsi alcuni comuni interrogativi di fondo che non possono sfuggire a chi realmente è animato da uno spirito di giustizia e vera solidarietà, collegate ad un "senso pratico" d'azione ed ad una forte volontà politica.
Come si può realmente contribuire ad aiutare una soluzione effettiva se non si tengono contemporaneamente presenti :
-gli aspetti concreti delle varie azioni di salvataggio - come anche di giuste ed intelligenti politiche di regolamentazione e gestione dei flussi migratori e relative accoglienze/integrazioni -la rimozione, graduale ma effettiva, delle cause che producono queste migrazioni, spesso dipinte strumentalmente come "emergenze" ed "invasioni" per fare leva sul senso di insicurezza dei nativi, ma non eludibili se si vuole veramente con Giustizia e concretezza andare al cuore dei problemi.
E' su questi due versanti inscindibili tra loro che occorrerebbe far leva sapendo produrre effettive azioni migliorative. Su questo, senza supponenza alcuna vista la complessità dei problemi che abbiamo di fronte, solo 2 brevissime considerazioni che vorrebbero essere anche pratiche, ma ovviamente non esaustive :
"Aiutarli a casa loro" non può essere solo un facile slogan ma deve costringere tutti a porsi effettivamente il problema di come produrre concretamente un cambiamento strutturale dei rapporti tra nord e sud del mondo (tra Europa ed Africa) clamorosamente sbilanciati da sempre a favore di noi europei. Il paventato ricorso al bilancio europeo (che ha speso miliardi per salvare un sistema bancario spesso irresponsabile) per attivare da subito una specie di "piano Marshall per l'Africa" potrebbe essere un primo concreto tassello.
Nell'immediato non si può immaginare come soluzione umanamente accettabile quella di riportare i salvati in mare negli attuali lager libici, sarebbe un'ipocrisia. Come sarebbe un'ipocrisia non coinvolgere responsabilmente tutti i Paesi di questa inguardabile Europa, se perdesse definitivamente questa occasione di ritrovare il proprio spirito originale (anche in tema di effettiva socialità non subordinata alle regole inique di questa finanza neoliberista che mette le proprie vittime l'una contro l'altra). Quindi occorrerebbe far seguire agli annunci anche effettive attivazioni ad esempio dei "corridoi umanitari"e quant'altro. In questo senso andrebbe anche regolamentata l'azione delle ONG.
E' su aspetti come questi che andrebbero misurate le azioni concrete (una vera e propria sfida alla coerenza per tutti ) anche di questo governo e non solo, dall'una e dall'altra parte, a colpi di facili quanto "improduttivi"slogans !
Germano Bosisio
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco