Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 64.653.174
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Martedì 05 febbraio 2019 alle 16:57

A Roma 600 lecchesi per protestare contro la Legge di bilancio

Saranno più di 600 i lecchesi che parteciperanno alla manifestazione unitaria di Cgil, Cisl e Uil che si svolgerà sabato 9 febbraio a Roma per protestare contro la Legge di Bilancio. Lo hanno comunicato i sindacati lecchesi in una conferenza stampa che si è svolta questa mattina presso la sede della Cisl di Lecco, a cui hanno partecipato Diego Riva, Segretario Generale Cgil Lecco, Rita Pavan, Segretaria Generale Cisl Monza Brianza Lecco, e Salvatore Monteduro, Segretario Generale Uil del Lario.

Diego Riva, Rita Pavan, Savatore Monteduro

«Sulla manovra ci sono ovviamente aspetti su cui siamo d’accordo – ha detto Rita Pavan – ma è l’impianto generale di tipo recessivo che contestiamo; con questa manovra non si investe nello sviluppo e dunque non si crea lavoro. Noi ci saremmo augurati investimenti e non sussidi». E Rita Pavan ha anche parlato delle infrastrutture: «Il territorio lecchese sa benissimo quanto siano necessari investimenti sulle infrastrutture, ma si continua a non fare niente, così come sull’industria 4.0 e sull’alternanza scuola-lavoro, che nel nostro territorio funzionava in modo egregio». Rita Pavan ha anche parlato della “quota 100” («Non è una modifica alla legge Fornero e non dà risposte né al lavoro di cura né ai temi che riguardano i più giovani») e del reddito di cittadinanza («Avremmo voluto un allargamento del reddito di inclusione e non un provvedimento che rischia di alimentare forme varie di assistenzialismo»).
Diego Riva ha poi spiegato come la manifestazione di Roma sia anche una protesta specifica contro un Governo che ignora i sindacati: «Abbiamo messo in campo idee e proposte, ma il Governo ha preso le sue decisioni senza consultarci. Noi chiediamo più rispetto per i sindacati e per i cittadini, a cui andrebbero spiegati meglio certi provvedimenti. In questo periodo così complicato dobbiamo tornare a pensare ad alcuni diritti fondamentali come la scuola, le pensioni, la sanità ed un fisco equo».
Infine, Salvatore Monteduro ha sottolineato come questa manovra non crei posti di lavoro: «Con questa manovra il Governo ha posto in atto azioni emergenziali che non faranno uscire le persone dalla povertà. Servono invece investimenti e politiche economiche e sociali. Noi andremo a Roma a protestare perché il nostro Paese ha bisogno di più lavoro e non di provvedimenti assistenziali che non assicurano un futuro degno di questo nome».
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco