Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 61.292.778
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Giovedì 07 febbraio 2019 alle 15:49

Lecco: la 'radiografia' di un anno di attività della Procura, 1205 casi per ogni sostituto

Il procuratore Antonio Angelo Chiappani
"Lo stipendio ce lo siamo meritati". In una battuta il Procuratore di Lecco ha concentrato l'impegno profuso nell'ultimo anno - nei 12 mesi ricompresi tra luglio 2017 e giugno 2018 - quando l'Ufficio si è trovato ancora una volta a lavorare sottorganico, rimanendo per un intero semestre con soli 3 sostituti, situazione che a dire il vero, si sta ripetendo anche ora, dalla partenza della dottoressa Cinzia Citterio, in attesa del nuovo innesto, previsto soltanto per il mese di aprile. 4 i viceprocuratori onorari "aggregati" alla squadra guidata dal Capo Antonio Angelo Chiappani con i colleghi Silvia Zannini, Paolo Del Grosso e Andrea Figoni. 21 poi gli amministrativi, chiamati a dividersi tra le segreterie dei magistrati e i servizi al pubblico e 10 le sole unità di cui si compone la Sezione di Polizia Giudiziaria. "Abbiamo fatto i salti mortali per mantenere l'obiettivo che era ed è l'esaurire più fascicoli rispetto a quelli che entrano. Seppur di poco siamo riusciti a mantenere tale trend" ha asserito il numero uno, ricordando come il rapporto tra sostituti ed abitanti del circondario è il più alto in assoluto dell'Italia settentrionale, con un PM ogni 84.348 abitanti ed un rapporto iscrizioni/magistrato pari a 1 a 1.203. Volumi che avevano spinto il CSM a chiedere l'aggiunta su Lecco di un quinto aiuto, non accettata però da Ministero. E così, a ranghi davvero ridotti, le pedine a disposizione del dr. Chiappani in capo ad un anno sono state schierate a copertura di 272 giornate di udienza avanti il Tribunale in composizione monocratica e 70 avanti il Tribunale in composizione collegiale oltre a 3 in Corte di Assise di Como, 7 per l'applicazione di misure di prevenzione, 90 dal Giudice di Pace e 79 dal GIP/GUP con 63 udienze preliminari. La Procura ha presentato poi per il giudizio direttissimo 124 imputati in stato di arresto in flagranza di reato, richiesto al GIP 19 convalide, presentato 106 richieste di applicazione di misure cautelari in carcere o per gli arresti domiciliari e 2 richieste di applicazione di misure interdittive.
Sono state altresì evase 44 richieste di assistenza giudiziaria da Autorità straniere e sono state trattate 382 procedure esecutive per quanto concerne l'esecuzione di condanne a pene definitive, con l'emissione di 1153 provvedimenti (di cui 162 di cumulo pene), l'annotazione di 576 sentenze definitive con pene sospese, l'apertura di 12 procedure per l'esecuzione di confische per equivalente divenute definitive, per un importo complessivo superiore agli 800 mila euro.
L'Ufficio ha promosso 10 cause civili, ha assunto 81 provvedimenti in materia di separazione tra coniugi o divorzio nell'ambito della negoziazione assistita di cui alla legge n.164/2014, ha partecipato a 32 udienze non penali e ha formulato 2.197 requisitorie, pareri e visti nonché ha rilasciato 1.803 apostille e legalizzazioni.
Venendo ai casi, sono risultati definiti,  4.779 procedimenti penali a carico di indagati noti di contro ad una sopravvenienza di 4.719 procedimenti oltre a 4.262 procedimenti a carico di ignoti e 1.132 fascicoli per fatti non costituenti notizia di reato.
A carico di soggetti noti, in capo a 12 mesi, sono poi stati iscritti 4.719 procedimenti (con un decremento del 0,53% rispetto al periodo precedente, nel quale vi erano state 4.744 iscrizioni), di cui n. 3.989 di competenza del Tribunale (con una diminuzione dell'1,92%) e 730 di competenza del Giudice di Pace (+ 7,83%). Ci sono poi da sommare 4.822 a carico di ignoti (con un aumento del 42,24% rispetto ai 3.390 del periodo precedente), dato che risente di una diversa catalogazione delle notizie di reato con i furti denunciati ora singolarmente e non in elenchi nonché 1.182 fascicoli per fatti non costituenti notizia di reato (- 30,55% rispetto ai 1.702 del periodo precedente, dato, quello relativo al periodo in esame, sicuramente più vicino alle sopravvenienze del biennio 14-15 che era stato di 1.183 iscrizioni).

A.M.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco