Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 64.557.547
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Domenica 10 febbraio 2019 alle 08:05

Lecco: presentato l'annuario '19 dell'Unuci. Benemerenze ai soci e la spada a Frigerio

Si è svolta nella mattinata di ieri, sabato 9 febbraio, presso la sede della Canottieri la presentazione del tradizionale annuario UNUCI di Lecco (Unione Nazionale Ufficiali in Congedo d’Italia), dedicato al ricordo dei Caduti in guerra e pubblicato dal 1993. L’UNUCI fu fondata come Ente pubblico nel 1926 e riunisce gli ufficiali in congedo che hanno fatto parte delle Forze Armate, dei Corpi armati dello Stato e di quelli ausiliari.

Giovanni Bartolozzi, presidente dell’UNUCI Lecco e dell’Associazione
Nazionale Arma di Cavalleria della città e il tenente Vittorio Ragno

Il generale Ivano Frigerio

La consegna della spada azzurra a Ivano Frigerio

“Vi chiederete perché abbiamo preso in considerazione l’anno 1909 per questo nuovo calendario” ha dichiarato Giovanni Bartolozzi, presidente dell’UNUCI Lecco e dell’Associazione Nazionale Arma di Cavalleria della città. “Tale data accomuna per nascita tre personaggi molto importanti a livello locale e nazionale”. Il riferimento è a Riccardo Cassin, rocciatore e cavaliere in gran croce, l’ambasciatore Amedeo Guillet e il capitano Alessandro Galeazzi.

I famigliari di Enio Buzzella

Marco Alessandro Buratti e la moglie Mariadelia Mapelli

Luigi Colombo

Come da consuetudine, nell’annuario un ricordo è stato riservato anche a due giovanissimi sottotenenti degli Alpini: Giovanni Cameroni e Nino Monti. Durante la mattinata sono stati ricordati anche due ufficiali scomparsi nel 2018: il professore di matematica dell’Accademia Militare di Modena Luigi Tanzi Cattabianchi e il tenente Giovanni Salvetti. “Secondo noi l’eroe è colui che svolge con passione il lavoro a lui affidato” ha affermato il tenente Vittorio Ragno. “E questo avviene nell’ambito militare di cui orgogliosamente facciamo parte.

Riccardo Rella

Ma ognuno di noi è eroe di tutti i giorni, vivendo intensamente la propria vita, con i propri sogni e ideali”. Presente in sala anche il generale Ivano Frigerio, al quale Bartolozzi ha donato una spada azzurra degli anni ‘30 e alcune fotografie scattate durante il loro primo incontro. “E’ per me un onore essere qui oggi, nella città che amo e in cui sono cresciuto” ha commentato Frigerio. “Mi fa piacere vedere che Lecco ha una sezione così viva, con molti soci e simpatizzanti, e con un consiglio molto preparato”.

Sono stati inoltre consegnati i diplomi di benemerenza a Enio Buzzella e Luigi Colombo, iscritti da sessant’anni, così come a Riccardo Rella e Marco Alessandro Buratti, soci da mezzo secolo; attestato, infine, anche per Mariadelia Mapelli, moglie di Marco Alessandro Buratti e a sua volta componente dell’UNUCI.
A.T.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco