Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 64.556.149
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Domenica 10 febbraio 2019 alle 14:50

Ballabio: nel Tributo al Dolore ricordati i cittadini deportati

Sarà un piccolo giardino, in una zona popolosa poco sotto la centralissina via Mazzini, a mantenere vivo il ricordo di Pino Galbani, lavoratore ballabiese deportato a 17 anni nel lager di Mauthausen. Lo ha annunciato venerdì sera il sindaco di Ballabio, Alessandra Consonni, di fronte a una sala comunale piena di cittadini particolarmente coinvolti, in occasione del Tributo al Dolore, manifestazione ufficiale che celebra Giornata della Memoria e Giorno del Ricordo.
Tra il pubblico i parenti di due deportati nei lager tedeschi: Oscar nipote di Giuseppe Pino" Galbani e Piera Combi, figlia di Giovanni Combi. Il sindaco li ha chiamati a parlare, seguiti poco dopo dal parroco di Ballabio don Benvenuto Riva, affinchè portassero la loro testimonianza.

Don Riva

Presenti anche il precedente parroco ballabiese, don Giovanbattista Milani, e madri canossiane del Castello. Nell'intervento introduttivo, il sindaco ha illustrato il "tributo che è già stato deliberato in giunta", per Pino Galbani. "Si tratta - ha detto - di un'area verde che verrà dedicata al nostro concittadino con al centro una piazzola dove troverà collocazione un importante cippo in pietra nobile di circa un mezzo e mezzo d'altezza recante una lapide a lui dedicata: questa soluzione incontra il gradimento del signor Galbani, nipote ballabiese, qui con noi stasera, che salutiamo e ringraziamo per la partecipazione".

Oscar Galbani

L'area considerata, in una zona centrale di Ballabio, è quella adiacente alla via Matteotti, di fronte ad un altro spazio verde indipendente dove sono collocati giochi per bambini. Alessandra Consonni ha quindi rivolto un saluto a Piera Comi Locatelli, figlia di Giovanni Comi, militare deportato, insignito della medaglia d'onore alla memoria consegnata dal prefetto Liliana Baccari ai nipoti ballabiesi, Fabrizio e Fabiola, pochi giorni fa alla presenza dei sindaci di Ballabio e di Barzio, paese natale. "Quale insegnamento dobbiamo trarre dalle catastrofi dell'umanità? Credo - ha detto il sindaco - che si debba sempre partire dal rispetto. Rispetto delle persone, e difesa di ciò che le contraddistingue in quanto soggetti dotati di un proprio retaggio storico, culturale, spirituale: l'identità di un popolo".

Piera Combi

La manifestazione, il Concerto per la Rimembranza di "Tributo al dolore", si è aperto con l'Ave Maria di Schubert a cui hanno fatto seguito brani di musica classica (Verdi, Mascagni e Bach) inframmezzati dalla lettura di testi e memorie sugli orrori dei Lager e delle Foibe: al leggio si sono alternati il vicesindaco Giovanni Bruno Bussola e la responsabile della Biblioteca comunale Anna Cugnaschi. Le musiche sono state magistralmente eseguite dagli ottimi musicisti Chiara Ballabio (violino), Giusi Calò (soprano), Franco Zapelli (pianoforte).
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco