Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 63.152.201
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Giovedì 14 febbraio 2019 alle 14:48

Bonacina: a rischio la classe prima anche se i numeri non sono proprio così risicati

La scuola di Bonacina
Il giorno del giudizio sembrerebbe essere domani: venerdì 15 alle 15.30 negli uffici della Don Ticozzi è convocata infatti una riunione a cui sono stati invitati i genitori di quelli che dovrebbero essere i nuovi “primini” della scuola elementare di Bonacina, destinati però – con ogni probabilità – ad essere reindirizzati altrove. Ancora una volta, infatti, l’avvio della prima alla Filzi sembrerebbe a rischio, dopo le traversie che ogni anno caratterizzano la formazione delle classi. Se fino ad oggi si è sempre riusciti a garantire la continuità, il 2019-2020 potrebbe rappresentare il primo anno di “buco”. “E si sa, da lì alla chiusura della scuola il passo è breve, come abbiamo già visto a Laorca” mettono in guardia mamme e papà interessati a salvare quello che è a tutti gli effetti un “presidio” all’interno del rione, inteso anche quale comunità educante e quale ambiente di crescita e coesione. Ad oggi sono ufficialmente 9 le iscrizioni alla Filzi accettate dalla dirigenza. “Una mamma straniera che, con due giorni di ritardo, non è riuscita a inserire la domanda telematica si è presentata alla scuola di Bonacina e le avrebbero risposto che il bambino poteva essere accettato, non lì ma a San Giovanni. Un’altra mamma, esclusa da Belledo e Acquate, avrebbe chiamato la Ticozzi per chiedere informazioni e non le sarebbe stata data l’opzione Bonacina. Sappiamo poi del caso di un bimbo anticipatario: dovrebbe essere iscritto alla Filzi ma non viene conteggiato perché considerato uditore. E chissà se ci sono altri casi come questi di cui non siamo a conoscenza” spiegano i genitori, ricordando come 9+3 faccia 12, con il numero che potrebbe così avvicinarsi a quello richiesto per garantire una classe, tenendo conto che, degli iscritti ufficiali, solo 2 hanno indicato oltre al plesso di Bonacina una seconda scelta. “Io l’ho fatto, per Acquate: oggi ho chiamato per avere notizie e sono stati evasivi. Hanno già chiuso le iscrizioni e non vorrei non abbiano tenuto conto di noi” ha aggiunto una mamma.
L’attesa, dunque, per l’incontro di domani è accompagnata da tanti pensieri. “Sappiamo già però che ci diranno che la prima salta. Ci stiamo anche informando eventualmente per ottenere una pluriclasse o un gruppo classe, come già successo, ufficialmente iscritto a San Giovanni ma che poi frequenti a Bonacina, dove tutti vogliamo restare”.
Il confronto si preannuncia serrato e... accorato, perché – come già sottolineato in una lettera al Provveditore datata 2016, “la scuola di Bonacina rappresenta per il rione una presenza di vita”.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco