Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 63.153.900
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Martedì 19 febbraio 2019 alle 12:39

Cisl: aumentati gli infortuni sul lavoro nella provincia di Lecco. Nel 2018 in tutto 3.692

Preoccupa il dato crescente degli infortuni sul lavoro, a Lecco come in tutta la Lombardia. I numeri fanno riferimento ad una recente analisi condotta dalla CISL regionale sulla base dei dati INAIL degli ultimi due anni. Il 2018 confrontato al 2017 è stato caratterizzato dall'aumento delle denunce di infortunio.

Nel dicembre dell'anno passato sono state 260 mentre dodici mesi prima erano state ben cinquanta di meno. Ma la differenza è visibile anche se si prende in considerazione un periodo più lungo. Da gennaio a dicembre, nel 2018 gli infortuni dichiarati sono stati 3.692. L'anno prima 3.488.  ''Questi dati sono la dimostrazione plastica di un abbassamento della guardia negli ultimi tempi in materia di prevenzione e sicurezza nei luoghi di lavoro, e dell'insufficiente attività ispettiva da parte delle istituzioni preposte alla vigilanza e alla prevenzione'' ha affermato Pierluigi Rancati, segretario regionale Cisl Lombardia con delega alla salute e sicurezza, facendo riferimento alla situazione regionale. ''In questi dieci anni di crisi il fatto che i controlli abbiano interessato solo il 5% delle 480mila imprese lombarde ha fatto emergere la convinzione che si possa restare impunti anche non rispettando le norme per la sicurezza e l'obbligo di adeguati o di maggiori investimenti per ridurre l'esposizione ai rischi specifici''.

Il settore dove la CISL lombarda ha registrato un numero più alto di infortuni è stato quello di commercio e riparazione di autoveicoli e motocicli (7.194), seguito da trasporto e magazzinaggio (6.003), costruzioni (5.226), fabbricazione di prodotti di metallo (4.734) e servizi di alloggio e ristorazione (3.271). In totale, in Lombardia, nel 2018 sono stati denunciati 119.937 incidenti, con esito mortale per 326 di questi. In provincia di Lecco questo dato è rimasto invariato, con quattro decessi sia nel 2017 che nel 2018. Il territorio lecchese può tutto sommato ritenersi fortunato, in ogni caso, essendo una delle zone con il più basso tasso di incidenti dichiarati. Milano, infatti, si conferma la provincia col numero più alto di infortuni (40.457 contro i 39.493 del 2017), seguita a distanza da Brescia (16.594 contro 15.739), Bergamo che comunque registra un calo (14.078 contro 14.163), Varese (in calo da 9.893 a 9.678) e Monza e Brianza (in aumento da 8.156 contro 8.049).

Per visionare il report diffuso da CISL Lombardia, CLICCA QUI.
A.S.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco