Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 64.598.463
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Mercoledì 20 febbraio 2019 alle 18:07

Lecco: è mancata a 95 anni l'imprenditrice Lucia Manzoni

Si è spenta a 95 anni Lucia Manzoni, nota imprenditrice, residente in città, sul lungolago Isonzo, non lontano da piazza Cermenati. Era balzata più volte agli onori della cronaca, in particolare nel 1997, quando, al vertice del gruppo Manzoni di Calolziocorte, produttrice di presse e macchinari utilizzati dall'industria automobilistica e nel comparto degli elettrodomestici da aziende a livello internazionale, ebbe un riconoscimento mondiale fra le capitane d'azienda italiane. Era, allora, fra le prime 50 donne al mondo nel settore imprenditoriale, secondo una pubblicazione USA, che diede spazio e risalto alla sua figura. La scheda di Lucia Manzoni poneva in evidenza che fra i clienti della sua società figuravano Renault, Fiat e Rover Zanussi. In quell'occasione dichiarò "Sono molto orgogliosa di aver costruito un gruppo in grado di competere con i colossi giapponesi e tedeschi".

Lucia Manzoni

Nel suo tempo libero Lucia Manzoni era impegnata in diverse attività culturali, sociali e ricreative. E' stata sostenitrice del gruppo folcloristico dei Firlinfeu Renzo e Lucia del quartiere lecchese di San Giovanni, alfieri della tradizione popolare dei Promessi Sposi. Qualcuno, non a caso, richiamò che Lucia Manzoni portava a ricordare Lucia Mondella.

Mentre premia i Firlinfeu

E' stata benefattrice discreta della parrocchia di San Nicolò in Lecco, nel cui territorio abitava, in particolare nel periodo del prevosto mons. Roberto Busti, poi vescovo di Mantova. Era una dama dei Cavalieri del Santo Sepolcro, presente alle cerimonie con i bianchi mantelli contrassegnati dalla croce rossa "rinforzata" di Goffredo da Buglione. Indossava in questo caso l'abito nero con velo delle dame, sempre, però, caratterizzato dalla vistosa croce dei Cavalieri del Sacro Sepolcro, i primi difensori della Terra Santa ai tempi delle crociate, ora impegnati in iniziative e presenze di altruismo, di attenzione al prossimo sofferente, di nobiltà spirituale e culturale, attenti ad antichi valori che non tramontano.            

Con i Cavalieri del Sacro Sepolcro

Nelle vacanze estive, ed alcune volte nei fine settimana, Lucia Manzoni cercava la pace e la tranquillità dell'alpestre e solitario Comune di Morterone, dove aveva una residenza che consentiva di ammirare il paesaggio della vasta e verde conca alle spalle, rispetto a Lecco, del caratteristico monte Resegone.            
Il funerale di Lucia Manzoni verrà celebrato venerdì alle 14.30 nella Basilica di San Nicolò. La sepoltura sarà poi al cimitero Monumentale di via Parini.
A.B.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco