Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 66.388.073
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Venerdì 22 febbraio 2019 alle 11:02

Bonacina, i genitori dei futuri 'primini': ora il dirigente dia l'atteso via libera finale al gruppo

Ora parrebbe mancare solo la risposta del dirigente scolastico per chiudere il cerchio. Come anticipato, negli ultimi febbrili giorni, i genitori dei 10 iscritti a quella che dovrebbe essere la futura classe prima della scuola primaria di Bonacina hanno incontrato il Provveditore e l'assessore Clara Fusi venendo poi ricevuti anche dal sindaco, sempre alla presenza del delegato della Giunta all'Istruzione, prendendo infine parte nella serata di ieri alla commissione consigliare convocata sul tema.
La strada verso la costituzione di un gruppo-classe per salvare capra e cavoli, garantendo i formalismi imposti dai numeri e allo stesso tempo la sopravvivenza della Filzi, parrebbe ora in discesa, pur rimanendo un ultimo nodo legato proprio al "via libera" atteso dal preside.
Questa dunque la missiva attraverso la quale le famiglie coinvolte ringraziano gli interlocutori che hanno offerto loro ascolto, auspicando al tempo stesso l'arrivo a stretto giro dell'agognato ultimo - ma fondamentale - parere favorevole alla soluzione trovata.


La scuola di Bonacina
In attesa di una risposta/decisione in merito alla istituzione della classe prima a Bonacina, Noi genitori ci sentiamo di dover ringraziare anticipatamente tutti i soggetti e le istituzioni che a vario titolo in funzione dei propri ruoli stanno prendendo a cuore la nostra situazione.
Ringraziamo innanzitutto il Sindaco e l'assessore Fusi che ci hanno accolto, hanno ascoltato le nostre motivazioni ed hanno inoltrato/esposto le nostre istanze sia al Consiglio sia al Provveditore. L'assessore ha chiaramente ed in maniera ampia sottolineato la posizione dell'Amministrazione sul tema scuola ("Tutti i bambini di Lecco hanno diritto all'istruzione; nelle scuole di Lecco è buona cosa che non vengano saturati i posti a inizio anno, perché potrebbero esserci dei trasferimenti in corsa da una scuola all'altra e infine tutte le scuole della città hanno la stessa importanza").
Ringraziamo i rappresentanti del consiglio Comunale di Lecco che nella Commissione del 21/02/2019 da differenti posizioni politiche hanno congiuntamente sottolineato l'importanza che l'istruzione e le scuole debbono avere nel Nostro Comune soprattutto nei rioni periferici nei quali gli istituti diventano/sono degli importanti presidi/infrastrutture culturali e di aggregazione.
Ringraziamo pertanto le parole dei consiglieri Anghileri, Perossi, Bettega, Riva, Frigerio, Boscagli, Minuzzo, Gattari (in ordine sparso e nella speranza di non aver dimenticato nessuno) che hanno confermato la peculiarità che caratterizza la scuola di Bonacina e l'importanza di valorizzare questo polo indipendentemente dal mero rispetto di standard e normative. Ringraziamo altresì il Provveditore che ha approfondito la situazione e pare si sia reso disponibile a risolvere positivamente la questione (dicasi "far partire il gruppo scuola").
Ringraziamo anche gli organi di informazione e la stampa che ci sta aiutando a chiarire e divulgare le nostre istanze. Ci piacerebbe anche ringraziare anticipatamente il dirigente scolastico: attuale responsabile, soggetto delegato e responsabile della decisione finale. Vorremmo sapere quali siano i motivi che attualmente ostano all'approvazione, istituzione della classe prima (anche come grupposcuola). Non crediamo che la sua esitazione sia dovuta solo un puro rispetto delle norme (il numero minimo previsto per Legge è indiscutibilmente di 15 elementi). Le esperienze pregresse e i motivazioni esposte delle istituzioni, però, dimostrano che sia possibile avere deroghe.
Non possiamo neanche supporre che "l'avversione" verso la scuola di Bonacina sia dovuta a preoccupazioni per questioni di "sicurezza". Se guardassimo alla "sicurezza" probabilmente il 90% delle scuole italiane e degli immobili Pubblici dovrebbero essere resi inaccessibili. E neppure la causa che può attualmente essere addotta è di tipo gestionale o per riduzione dei costi. Se così fosse, vorremmo sapere a quanto ammonta il risparmio e come si intende reinvestito. Stiamo comunque parlando di servizi alle famiglie ed di istruzione: la valutazione economica (€) non è e non deve essere presa in considerazione da sola, in modo univoco. Se anche da parte di tutti, anche di Noi genitori (ne approfittiamo anche per fare un mea culpa) è mancata una totale programmazione, una vision a lungo termine, riteniamo che i tempi ed i modi per rimediare e risolvere la situazione ci siano.
Da parte di Noi genitori c'è la massima disponibilità: lo abbiamo dimostrato con le PROposte PROpositive e "PROfessionali" che abbiamo suggerito.
Non ci siamo chiusi od arroccati su pretese impossibili, non abbiamo voluto fare barricate, non abbiamo CHIESTO ma INDICATO, non abbiamo IMPOSTO ma ESPOSTO. I
ns. 10 bambini (ma vedrete che se "parte" la classe prima a Bonacina i potenziali bimbi saranno di più) sono pronti. Ringraziando,
porgiamo a tutti i cordiali saluti
Articoli correlati:
22.02.2019 - Lecco, scuole: si va verso i gruppi classe a Maggianico-Chiuso e Bonacina. I numeri degli iscritti
16.02.2019 - Bonacina: la classe prima è data per eliminata a priori, i genitori si appellano al provveditore
14.02.2019 - Bonacina: a rischio la classe prima anche se i numeri non sono proprio così risicati
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco