Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 66.181.689
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Venerdì 15 marzo 2019 alle 08:21

Garlate: altro scontro sulla gestione della palestra. Il sindaco: ‘Contano solo i fatti’

È stata un’interrogazione del gruppo di opposizione “Alleanza per Garlate” ad accendere la miccia dell’ennesimo dibattito sulla palestra comunale che ha tenuto banco in Aula nella serata di mercoledì 13 marzo. Questa volta i tre consiglieri Daniele Cortenova, Omar Riva e Dario Colombo hanno voluto chiedere lumi all’Amministrazione in merito alla gestione della struttura di via Puncia inaugurata nel marzo 2017 e da allora a disposizione delle associazioni sportive del territorio. Nel giugno scorso è stato pubblicato un avviso esplorativo per l’individuazione di operatori a cui affidarla in concessione per tre anni, ma – hanno affermato i tre consiglieri di minoranza – “non si è mai saputo niente del suo esito, anche se nel frattempo vi si svolgono regolarmente attività, che negli ultimi tempi sono state all’origine di svariate segnalazioni di cittadini che lamentavano pulizia carente – o in alcuni casi completamente mancante – della palestra”.

Il sindaco Giuseppe Conti

In primo piano i consiglieri di minoranza Dario Colombo, Omar Riva, Daniele Cortenova

Una dichiarazione, questa, che si è subito “scontrata” con la risposta dalla maggioranza di Lucia Riva: “Da genitore che frequenta la struttura anche tre volte alla settimana non posso accettare di sentir parlare di pulizia scarsa o assente: questa descrizione non combacia minimamente con la realtà dei fatti, e lo può testimoniare chiunque”.
A fare chiarezza sulla situazione generale, tornando al principale quesito di Daniele Cortenova e colleghi, è stato però il sindaco Giuseppe Conti: “Siamo un po’ in ritardo con l’assegnazione definitiva della concessione, ma entro un paio di mesi si dovrebbe trovare una quadra. Indubbiamente in questi due anni di gestione “provvisoria” a cura delle associazioni qualche piccola criticità c’è stata, ma credo si debbano guardare soprattutto i molteplici aspetti positivi: grazie ai nostri sodalizi – i “guardiani” della palestra, con alcuni che versano quote al Comune e altri che offrono servizi “in proprio” – a Garlate si è venuto a creare un movimento sportivo invidiabile per una realtà piccola come la nostra, con un ventaglio di proposte per tutte le età. I problemi, comunque minimali, che si sono via via presentati sono sempre stati risolti in tempi rapidi, nell’interesse di tutti. Anche la pulizia, ovviamente, è sempre stata garantita: per quanto ci riguarda abbiamo ricevuto una sola segnalazione al riguardo, che abbiamo provveduto a verificare per poi intervenire a dovere”.

I consiglieri di maggioranza Emanuele Manzoni, Lucia Riva, Diana Nava, Emanuela Colombo, Giuseppe Gnecchi

Tra il pubblico i rappresentanti di alcune associazioni sportive di Garlate

Una decina, in totale, come ha illustrato il consigliere delegato Emanuele Manzoni, le associazioni di volontariato che organizzano attività sportive nel corso dell’anno – con eventuali differenziazioni tra i vari periodi – nella palestra di via Puncia (occupata per 58 ore settimanali) e nell’analoga struttura della Scuola Primaria, più piccola ma anch’essa recentemente ristrutturata e rimodernata proprio con l’obiettivo di essere messa a disposizione dei gruppi che ne avessero fatto richiesta. Più di trecento gli atleti fra i 3 e i 70 anni “in movimento”, che a Garlate possono trovare anche la possibilità di provare discipline più “insolite” come la kick-boxing e il kung-fu, grazie alla presenza di apposite società.
Soddisfatto solo “a metà” per le risposte ricevute il gruppo di minoranza: “Non siamo di certo contenti per il ritardo “accumulato” con l’avviso esplorativo, di cui non siamo mai stati informati. Prendiamo atto anche del fatto che è evidentemente l’Unione Polisportiva a provvedere alle pulizie della palestra, che da regolamento sarebbero di competenza del Comune” hanno concluso Daniele Cortenova e colleghi.
B.P.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco