Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 64.717.950
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Lunedì 18 marzo 2019 alle 14:23

Vercurago: oltre 100 persone al Pranzo della Solidarietà per i compaesani. Raccolta viveri anche per il Perù

Si è svolta ieri, 17 marzo, presso l'oratorio di Vercurago la quarta edizione del "Pranzo della Solidarietà" organizzata dalla Commissione politiche sociali del comune, con la collaborazione delle parrocchia del paese, di Somasca e Pascolo.
L'iniziativa prese avvio nel 2016, quando la Commissione stessa constatò che era aumentato il numero di persone che, in municipio o in canonica, chiedevano cibo e aiuti per far fronte alle spese. È stata presa così la decisione di creare un fondo al quale attingere in via straordinaria per prestare aiuto ai bisognosi della comunità.

Il sindaco Carlo Greppi, Paolo Lozza e l'assessore Roberto Maggi

L'obiettivo di tale pranzo, oltre a creare un sereno momento di socializzazione, è proprio quello di raccogliere soldi che, attraverso i servizi sociali e la parrocchia, vengono destinati ai più poveri.
"È una forma di aiuto immediato" afferma Paolo Lozza, presidente della Commissione politiche sociali. "Non deve passare attraverso l'approvazione di bilanci preventivi e cose simili. Nel momento in cui un cittadino ha bisogni può andare in comune e ottenere questi soldi".
L'anno scorso sono stati raccolti 1500 euro, utilizzati per aiutare persone che non potevano permettersi il pagamento di bollette, visite mediche e analisi.
Galleria immagini (clicca su un'immagine per aprire l'intera galleria):

Il pranzo di domenica ha visto la partecipazione di un centinaio di cittadini, molti di più rispetto agli anni scorsi. "Siamo soddisfatti perché constatiamo interesse e solidarietà del nostro paese verso chi ha bisogno" dichiara Lozza.

"Grazie davvero" asserisce don Andrea Pirletti, il quale durante l'appuntamento conviviale ha festeggiato il proprio compleanno. "Quello che raccogliamo noi oggi va veramente a tendere una mano a chi magari a volte ha un po' vergogna a chiedere aiuto. Questo momento è bello per due motivi: perché si sta insieme e perché serve per il bene di qualcuno. Ringrazio tutti quelli che si sono impegnati ad organizzare questo pranzo".

Gustose le portate, preparate da volontari, con un menù a base di polenta, arrosto di vitello ripieno, patate al forno, penne con scamorza e speck e panzerotti.
Alle 15 si è tenuto, poi, con il fine di intrattenere i partecipanti, un concerto di ukulele a ingresso libero, il quale ha visto esibirsi il Gruppo musicale Ucoolelensemble di Oggiono.

Una giornata quindi all'insegna della solidarietà quella di ieri, la quale non si è limitata solamente ai bisogni sociali del paese, ma ha attraversato l'oceano Pacifico per raggiungere uno stato povero dell'America del Sud. Per le strade di Vercurago, Somasca e Pascolo alcuni ragazzi delle medie e delle superiori dell'oratorio hanno organizzato infatti una "raccolta viveri" per la missione in Perù dell'Operazione Mato Grosso, movimento giovanile fondato dal salesiano Padre Ugo De Censi nel 1967 con il proposito di portare aiuto alle popolazioni dell'America Latina. Per tutta la mattinata questi giovani hanno bussato casa per casa chiedendo pasta, riso, zucchero, scatolame, farina e olio: tutti alimenti destinati ai poveri della cordigliera andina. Sono stati raccolti così 845,7 Kg, un numero che si spera destinato ad aumentare: infatti, per tutta la settimana, saranno lasciati nell'oratorio di Pascolo e in quello di Vercurago degli scatoloni dove, chi vorrà, potrà contribuire in prima persona a questo meraviglioso impegno di solidarietà.
A.T.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco