Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 64.535.386
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Mercoledì 20 marzo 2019 alle 10:14

Perledo: altri riconoscimenti per l'olio locale

Anche quest'anno non mancano i riconoscimenti per l'olio di Perledo, un prodotto ormai divenuto d'eccellenza e simbolo dell'agricoltura lariana di qualità. Nello scorso week end le aziende di Fabio Festorazzi e Stefania Mattarelli sono state premiate da Slow Food con il riconoscimento di Grande olio e Grande olio slow. Inutile dire che l'olio di Perledo rappresenta indiscutibilmente il brand del paese rivierasco, ma cosa c'è dietro il suo successo?



Tanti sono i fattori che hanno portato nel corso degli anni ad ottenere questi risultati, non solo a Perledo, ma su tutto il territorio lariano, tant'è che proprio sulla guida agli extravergini di Slow food sono presenti ben sette oli prodotti al frantoio di Biosio. A pagare è sicuramente il lavoro di squadra messo insieme dagli olivicoltori, dal frantoio dell'azienda Poppo, dall'assistenza tecnica degli agronomi Borrelli e Ghilardi, dal sostegno delle associazioni (Oliper, Aipol, Consorzio DOP, Consorzio della patata di Esino), dalle comunità montane della Valsassina e di Galbiate. Un lavoro d'equipe sempre più rivolto alla qualità che sta indubbiamente portando risultati importanti. Per il nostro lago tanto amato e frequentato dai turisti l'olio e l'olivicoltura sono sicuramente un grande valore aggiunto.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco