Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 67.760.684
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Mercoledì 20 marzo 2019 alle 14:54

Lecco: crescono i soci dell’Avis Provinciale, + 8,67% di donazioni di sangue intero

15.912 iscritti, 19 sezioni comunali, oltre 200 soci collaboratori e ben 28.929 donazioni effettuate, di cui 26.493 di sangue intero e 2.436 di plasma. Sono questi i numeri - senza dubbio positivi - relativi all'anno 2018 dell'Avis Provinciale di Lecco, che il prossimo 23 marzo inviterà i rappresentanti di tutti i gruppi comunali del territorio alla tradizionale Assemblea annuale, che si svolgerà al Cineteatro "Cardinal Ferrari" di Galbiate alle 14.30.

Giorgio Grassi

Prosegue dunque inarrestabile la crescita dell'Associazione - iniziata nel 2007 senza mai alcun "crollo" statistico - capace di raccogliere circa 30.000 unità di sangue all'anno, di cui solo la metà utilizzate per i bisogni dei lecchesi: 14.000 unità vengono infatti cedute agli ospedali di Milano, al "San Raffaele" in primis, e della Sardegna (circa 3.000 unità), per trattare la diffusissima anemia mediterranea.
Importante, naturalmente, la collaborazione con l'ASST di Lecco e con i Centri Trasfusionali dell'Ospedale Manzoni e del Mandic di Merate, che effettuano in concreto i prelievi promossi dall'Avis.
"Tra i dati più rilevanti sono da evidenziare senz'altro l'incremento dei soci, dello 0,9 %, così come quello delle donazioni, dello 8,67 %", hanno spiegato il Presidente Giorgio Grassi e il suo vice Bruno Manzini. "Ciò significa che i Lecchesi sono sensibili al tema della solidarietà e che la nostra presenza capillare sul territorio è dopotutto efficace. La nostra è la prima provincia in Lombardia per percentuale di aumento: se a livello regionale e nazionali si comincia a registrare calo di soci e donazioni, noi possiamo definirci momentaneamente esenti da questo fenomeno. Inoltre, il nosocomio lecchese è il più grosso centro di lavorazione e smistamento del sangue in Lombardia e in tutta Italia, nel quale confluiscono le circa 90.000 sacche provenienti da Monza Brianza e da Sondrio: questo significa essere un'eccellenza".

Bruno Manzini

L'incremento è stato inoltre influenzato dalla conclusione a metà 2018 di un progetto con l'ASST, che ha consegnato una borsa di studio a un laureato in Biologia, permettendo così di assumere una persona in più, responsabile della validazione e della lavorazione del sangue, consentendo invece a un medico di occuparsi del Centro Trasfusionale. "Abbiamo poi chiesto di mettere in atto un nuovo progetto per raggiungere e confermare questi livelli di donazione e per fare trasfusioni il sabato mattina, per consentire ai lavoratori di donare anche nel fine settimana".
Per quanto riguarda il numero di prelievi effettuati, sul "podio" delle sezioni comunali figurano quelle di Lecco (8.049), Merate (5.078) e Bellano (3.046), seguite da Costa Masnaga (2.189), Oggiono (1.232) e Valmadrera (1.199). Gli adulti (36 - 65 anni) costituiscono il 69,7% dei donatori, mentre i giovani sono a 4822 (30,3%). Sono più i donatori uomini (62%) rispetto alle donne.
"In generale possiamo dirci fortemente soddisfatti dei dati del 2018", ha commentato Grassi. "Il nostro obiettivo è fare sempre più e meglio, affinché l'Avis continui ad essere la realtà importante che è nel lecchese".
Il prossimo appuntamento con l'Avis Provinciale sarà dunque sabato 23 marzo alle ore 14.30. Nel corso della 24^ Assemblea Provinciale degli associati verrà adeguato lo statuto alla riforma del Terzo Settore, ma soprattutto saranno presentati e discussi la relazione associativa e sanitaria, oltre al conto consuntivo, al fine di instaurare un confronto sull'opera dei numerosissimi donatori e volontari che da anni contribuiscono a rendere l'Associazione una vera e propria "perla", un esempio per gli altri gruppi provinciali e comunali.

M.C.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco