Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 64.857.666
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Giovedì 21 marzo 2019 alle 12:51

Pretese di denaro dopo un rapporto sessuale con un lecchese: in manette un trans e suo 'marito'


Avrebbe avuto rapporti sessuali con un transessuale finendo in balia delle pretese di denaro avanzate dallo stesso, sotto la minaccia di rendere nota la relazione nonché di conseguenze fisiche in caso di mancato versamento delle somme richieste. La vittima, un 41enne residente nel lecchese, ha però trovato la forza di denunciare l'accaduto ai carabinieri, facendo così arrestare due soggetti. Le manette sono infatti scattate, nei giorni scorsi, sia ai polsi di Luis Alberto Albino Giraldo, 40enne originario del Perù, noto come Silvana sia di Marian Ovidiu Chiparca, 30enne romeno, entrambi residenti a Milano, accusati di estorsione continuata in concorso.
Stando alle risultanze delle indagine delegate ai Carabinieri del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo, il primo, transessuale dedito alla prostituzione nella vicina provincia di Como, dopo alcuni incontri hot con il denunciate, al quale peraltro avrebbe fornito, nella circostanza, anche della sostanza stupefacente, avrebbe preteso il pagamento di svariate migliaia di euro, minacciando, unitamente al secondo, indicato come suo marito, gravi conseguenze in caso di rifiuto a consegnare il contante richiesto.
Per raccogliere elementi a riprova delle accuse mosse dal lecchese nei confronti dei due stranieri, i militari, coordinati dalla Procura della Repubblica di Como, hanno messo in atto intercettazioni e servizi mirati di osservazione, controllo e pedinamento sul territorio arrivando così ad arrestare "Silvana" a Inverigo, l'11 marzo, in flagranza di reato mentre riceveva 4.500 euro dalla vittima. Chiesto e autorizzato poi dal Gip del Tribunale lariano anche l'arresto del "marito", eseguito qualche giorno dopo. Le indagini avrebbero altresì fatto emergere altri casi non ancora denunciati.
Albino Giraldo e Chiparca sono stati associati presso le Case Circondariali di Como e Milano, a disposizione della competente Autorità Giudiziaria.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco