Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 64.598.552
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Sabato 23 marzo 2019 alle 00:03

Mandello: minacciò la farmacista, ammenda per un egiziano

Il 29 agosto 2017 un venticinquenne egiziano residente ad Oggiono, era entrato nella farmacia "Spataro" di Mandello del Lario per acquistare degli psicofarmaci.
La commessa al momento del pagamento aveva quindi apposto il timbro dell'esercizio commerciale sulla ricetta -valida per il ritiro di sole 3 confezioni- presentata dall'uomo, salvo poi vedere lo stesso allontanarsi e tentare di cancellare lo stampo appena apposto. A quel punto la donna avrebbe fermato lo stranieri, ritirandogli la prescrizione.
Il nordafricano sarebbe quindi uscito dall'esercizio, alla ricerca di un'altra farmacia, ma avrebbe fatto ritorno pochi minuti dopo nella stessa in visibile stato d'agitazione, minacciando la dottoressa: "Sono appena uscito di galera ma non me ne frega niente. Ci torno per colpa tua" avrebbe inveito l'extracomunitario "Appena esco vengo qua e ti violento".
Richiesto l'intervento dei Carabinieri dal personale della farmacia, i militari giunti sul posto avevano quindi identificato il venticinquenne, trovandolo per di più in possesso di un coltellino e di un paio di forbici.
Tradotto quest'oggi al Tribunale di Lecco come imputato per i fatti avvenuti a Mandello, difeso dall'avvocato Silvia Pirovano, l'uomo ha dovuto rispondere di minaccia ai danni della donna, oltre che dei reati di cui all'art 4 della normativa vigente per il controllo di armi.
Ormai non più punibile per la remissione di querela operata dalla farmacista, l'egiziano è stato condannato dal giudice Enrico Manzi al solo pagamento di 1000 euro di ammenda per il secondo capo d'imputazione.
F.F.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco