Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 64.495.262
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Martedì 09 aprile 2019 alle 18:25

L'autoproclamatosi bomber della politica che invece fa solo autogoal

Paolo Trezzi
Cara Leccoonline
Ci sono migliaia di persone che, nonostante quello che hanno appena visto al telegiornale, vanno a 150/h nella nebbia. E c'è una persona che, nonostante 10 anni di promesse e di “domani ci siamo”, continua a farsi trovare nel posto sbagliato nel momento sbagliato.
Lì dove Panem et circenses non è un pranzo di gala. E non per colpa della nebbia.
È quello che è successo domenica alla Festa della Calcio Lecco in Piazza Garibaldi, per la promozione in C, quando l'Assessore del far credere – come documentate - ha provato a prender applausi e invece ha preso una valanga di fischi dal pubblico pagante.
Pubblico che non guarda in faccia a nessuno, tantomeno a chi gli strizza l'occhio sperando di incassar consensi.
Non invidio Valsecchi, tantomeno quando per un pugno di voti rischia più pugni
Vorrei per questo suggerire - a lui che è tra i più abili a intestarsi meriti non suoi e scaricare colpe sue agli altri - che quella coi tifosi è la riprova, l’ennesima, che non ci si può metter addosso la maglia di ogni squadra, perché nel caos e nella nebbia poi si fa autogoal. Come lui puntualmente fa.
Chi lo vuol in squadra uno che si crede bomber invece fa una caterva di autogoal?
Se fossi tifoso del Lecco lo fischierei dalle tribune, siccome sonsolo un tifoso di Lecco lo fischio dai giornali e in cabina elettorale.
Perché il nostro bomber gli autogoal che fa contro la Città sono da espulsione.
Basta ricordare quelli più da brocco.
Ha iniziato a farli per mesi, quando sventolava il bandierone del Multisala che grazie a lui era lì lì per aprire. Ogni giorno era "domani ci siamo". Son passati anni.
E l’autogoal quando ha chiuso il Teatro e ha promesso impalcature e cantiere dopo poche settimane? Quando cambiava data di riapertura ogni 15giorni e oggi son passati oltre 400 giorni e non si vede un operaio per non parlare ovviamente degli idraulici?
E quello fatto ruzzolando tutto da solo con il Progetto di Alta Scuola per Chef a Villa Ponchielli? Ne parlava con annunci roboanti ovunque, come se grazie a lui Lecco avesse già vinto la Champions degli Chef e invece non ci han fatto manco un Tinello.
E non è un autogoal quando ha dato, più volte, per fatta la ristrutturazione dell’ex Cinema Lariano e invece è lì come lo scudetto dell’orrore?
E Piazza Affari che aveva promesso esser anche spazio per Circo, Opere liriche, trampoli ma non si era accorto di 6 pali da 10mt in centro la piazza?
Per non parlare dei dipendenti in Comune che gli si son rivoltati contro.
Dal punto di vista politico questi bomber dell’autogoal son i classici redditieri, campano sulla buona educazione dei lecchesi finché non arrivan gli ultras a dirglielo in malomodo.
Dopo così tanti autogoal per uno che ancora si crede il bomber della Città il voto è inevitabilmente impietoso: Zero. Come le sue promesse rispettate.
Paolo Trezzi
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco