Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 64.857.297
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Venerdì 12 aprile 2019 alle 09:28

Calolzio, Casa delle Sinistre: collasso della società giusta

Abbiamo appreso con preoccupata indignazione che l’Amministrazione Comunale, con il voto contrario delle minoranze, ha approvato un dispositivo repressivo/preventivo che vieta in alcune zone del territorio comunale l’attivazione di centri di accoglienza per migranti.
All’insipienza non c’è mai fine: ieri era il Sindaco del PD di Lecco a disporre l’asportazione delle coperte per ripararsi dal freddo, utili ad alcuni clochard presenti in città, oggi è la volta del Sindaco di Calolzio della Lega e della sua maggioranza di centro-destra ad emanare disposizioni di grave “separazione sociale”.
Una misura, quella di vietare in alcune zone del paese la presenza di iniziative legate all’accoglienza dei migranti, confezionata da un potere amministrativo,  come è quello comunale, che tira dentro tutti in una dimensione collettiva ,  indistintamente senza alcuna ragione e motivo: chi ha diritto di essere accolto e chi no, chi ha commesso reati e chi no.
Per la Lega non vanno bene le accoglienze delle persone deboli, perché esercitano una funzione non gradita socialmente, ma va bene  riaprire le “case chiuse”. E’ proprio vero che al peggio non c’è mai fine.
Le paure, che sono state indotte ad arte ai cittadini dalla Lega per fini elettorali, sono state smentite in questi giorni dal Questore di Lecco, che ha segnalato un netto calo dei reati. Anche le recenti comunicazioni del Questore dimostrano l’insipienza del provvedimento repressivo/preventivo assunto dalla Lega di Calolziocorte.
Oltre al dubbio che con le “zone rosse” forse si sia voluto garantire anche un plusvalore immobiliare a qualche proprietario, pensiamo che ci siano molti punti di dubbia costituzionalità e legittimità.
Per queste ragioni e per difendere i diritti e l’immagine di civismo della nostra comunità, nel mentre esprimiamo la nostra solidarietà e un grazie al  concittadino Riccardo Gatti, comandante della nave di Open Arms, che lavora per salvare vite umane nel Mediterraneo,  ci rendiamo disponibili già da ora a sostenere politicamente e giuridicamente ogni opposizione alla delibera comunale che attiva atti amministrativi di apartheid.
Calolziocorte 11/4/2019                                                                                                            
La Casa delle Sinistre
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco