Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 64.495.987
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Domenica 14 aprile 2019 alle 19:50

Galbiate: ecco i risultati dell'8^ Monte Barro Running

L’ottava edizione della Monte Barro Running – Trofeo Luigi Galbiati si chiude nel segno dell’internazionalità. I ruandesi del team Serim Jean Baptiste Simukeka e Primitive Niyirora si sono imposti nella gara di Galbiate (Lc) su oltre 500 concorrenti. Il Gruppo Podistico Libertà Galbiate, visto il maltempo, ha eliminato l’ascesa in vetta, facendo transitare gli atleti su un sentiero sottostante la cima rocciosa del monte Barro. Considerato il piccolo taglio al percorso, la corsa è risultata lunga circa 14,5 km con un dislivello positivo di 730 metri.

Avvincente la prova maschile che si è decisa solo negli ultimi metri. A dar fuoco alle polveri ci hanno pensato Jean Baptiste Simukeka e Paolo Bonanomi. Sin dal primo giro nel paese di Galbiate i due sono passati in testa, con un buon vantaggio rispetto agli inseguitori. In salita il ruandese ha guadagnato oltre 40 secondi dal lecchese. Nella discesa e nei falsopiani verso il centro di Galbiate Bonanomi ha ridotto il gap a circa 30”. Sul rettilineo finale Jean Baptiste Simukeka (team Serim) ha espresso le sue doti veloci completando il percorso in 1h10’01”. Il vincitore ha anticipato di 28” Paolo Bonanomi (Falchi Lecco). Stoppando le lancette su 1h10’29” e salendo sul secondo gradino del podio, il lecchese fa segnare la sua miglior performance fra le numerose partecipazioni alla gara di Galbiate.

Terzo posto per Lorenzo Beltrami (Falchi Lecco) in 1h10’54”. La striscia positiva dei Falchi continua con il risultato di Danilo Brambilla, ai piedi del podio. Nella top ten di giornata Fabio Bazzana, Mirko Bertolini, Paolo Poli, Alessandro Noris, Andrea Santambrogio e Filippo Ugolini. Nella gara femminile è partita subito convinta la ruandese Niyirora, transitando in solitaria nelle vie del paese di Galbiate durante il primo giro. Sua diretta inseguitrice Samantha Galassi, con quasi un minuto di distacco. Più arretrata Francesca Rusconi. Già in questa tornata si è delineata la classifica finale. Ma le emozioni non sono mancate. Samantha Galassi infatti, campionessa uscente e detentrice del record femminile, ha poi alzato il ritmo, portandosi pericolosamente vicina alla battistrada. Il suo forcing non è comunque bastato a raggiungere l’africana.

Primitive Niyirora (team Serim) si è aggiudicata la gara in rosa con un finish time di 1h22’48”. Samantha Galassi (Recastello Radici Group), azzurra della corsa in montagna, ha tagliato il traguardo in 1h23’07”. Sul terzo gradino del podio Francesca Rusconi (La Sportiva) in 1h24’02”. Scorrendo la classifica, segnaliamo nelle top 10 Daniela Rota, Serena Gianola, Chiara Fumagalli, Marta Cereda, Guendalina Sibona, Lia Maria Pozzi e Martina Bilora. Esprime una grande soddisfazione il presidente del Gruppo Podistico Libertà Galbiate Fabrizio Panzeri: «Stanco ma molto contento, al termine della manifestazione posso dire che tutto è filato liscio. Spero che gli atleti e tutti i volontari si siano divertiti. L’ingrediente fondamentale della Monte Barro Running Trofeo Luigi Galbiati sono sempre e solo i volontari.

Si pensi che tutti i nostri sponsor sono anche volontari, prestano servizio alla gara. E prima ancora di essere sponsor e di essere volontari sono amici. La famiglia Galbiati fa parte della famiglia del Gpl Galbiate. Apprezziamo tanto il fatto che il numero dei volontari stia crescendo: le persone vengono a proporsi e offrirsi per supportarci. E il risultato è che tutti si sentono parte del team. Quest’anno la menzione particolare va al gruppo donne addette alla cucina, che si occupano a 360 gradi del buffet e del pasta party. Si è rivelata azzeccata la decisione di tagliare la cima del Barro, i corridori hanno capito che la scelta è stata fatta per la loro sicurezza.

Perché facciamo partire le donne alcuni minuti prima degli uomini? Per gratificarle maggiormente, vogliamo si sentano libere di correre conoscendo perfettamente la loro posizione: se si trovassero nella pancia del gruppo sarebbe molto più difficile. La vittoria dei ruandesi ha reso la Monte Barro Running una gara internazionale». Archiviata la gara regina della stagione, il Gruppo Podistico Libertà Galbiate dà appuntamento a giovedì 20 giugno per la prima edizione della Barro Vertical Race, prova nuova di zecca inserita nel circuito GoInUp Organizzazione a cura del Gruppo Podistico Libertà Galbiate. Ulteriori informazioni sul sito http://gplgalbiate.wixsite.com/monte-barro-running.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco