Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 67.700.015
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Lunedì 15 aprile 2019 alle 12:15

Sindacati, il bilancio della contrattazione in 48 Comuni: per promuovere più inclusione

Sempre più servizi offerti alla collettività dagli enti locali (e sempre più tasse) si rivolgono in buona parte a chi ha raggiunto un'età pensionabile. Ed è proprio per questo, in linea con una lunga tradizione che le vede impegnate in questo sforzo dagli anni '70, che le organizzazioni sindacali dei pensionati di CGIL, CISL e UIL del Lecchese, anche per il 2018 hanno portato avanti la contrattazione sociale con le Amministrazioni comunali, facendo da portavoce per tutte le altre categorie e in primis, chi vive situazioni di fragilità.

Mirco Scaccabarozzi della CISL Monza Brianza Lecco

48 su 85 i Comuni incontrati l'anno scorso, con la difficoltà oggettiva - evidenziata da Enrico Civilini di FIM CISL nel corso dell'incontro che si è svolto lunedì mattina nella sede di CISL di via Besonda, a Lecco, dove è appunto stato presentato il bilancio della ''contrattazione'' 2018 e quelle che saranno le linee guida di quella del 2019 - che la larga maggioranza di questi enti non superano i 5.000 abitanti (sono appena 15 quelli che ne hanno di più nel Lecchese), ed è perciò a volte impossibile che vengano soddisfatte alcune delle richieste avanzate.

Giacomo Arrigoni, segretario UIL Pensionati Lecco

Le Amministrazioni comunali, per quanto siano in cima alla lista degli enti con cui i sindacati promuovono e chiedono da sempre politiche più inclusive e maggiori incentivi per agevolare le ''finanze'' dei cittadini, non sono tuttavia gli unici interlocutori. ''Nel contesto dell'ATS, abbiamo rapporti con i CDR (il consiglio di rappresentanza dei sindaci) e anche a livello di ambito abbiamo svolto diversi incontro sia con quello Meratese che con il Lecchese, che ci hanno consentito di raggiungere un ampio spettro di intervento per tutto quello che riguarda il sostegno ad anziani, cronicità e fragilità'' ha spiegato Mirco Scaccabarozzi di CISL Monza-Brianza-Lecco lunedì mattina. ''Ricordo poi che c'è una firma freschissima, datata 4 aprile, su un protocollo di intesa con cui l'ANCI stessa ribadisce la necessità e l'opportunità di consolidare il rapporto con le organizzazioni sindacali. Le nostre interazioni saranno quindi plurime, ma non possiamo aspettarci un intervento come risposta alla nostra azione. Quest'anno inizieremo ad esempio il monitoraggio sulle conseguenze della '132', o se volete quello che prima di diventare legge era il 'Decreto Salvini'. Abbiamo fatto un presidio sabato per quello che è successo a Calolziocorte, ma nei prossimi mesi dovremo far capire che di sicurezza così non se ne produce ma, anzi, si riduce perché quando uno distrugge il sistema SPRAR, che stabiliva un rapporto tra Comuni e Prefettura, a vantaggio dei CAS significa che le tutele sono cessate''.

La situazione dei migranti, dunque, entrerà di diritto a far parte delle tematiche trattate nella contrattazione sociale sindacati-Comuni (e non solo), e andranno ad affiancare i temi storici come la tutela di donne e minori, l'ambiente, la legalità, il lavoro, i giovani, la casa, la famiglia e poi tutti quegli ambiti che competono ancor più direttamente gli amministratori locali come gestioni associate ed eventualmente fusioni degli enti, fiscalità e bilancio.
Nella sua analisi di quanto ''portato a casa'' in 48 incontri che si sono svolti nel 2018 nei Municipi di mezzo Lecchese, Civilini ha posto una particolare attenzione a quella che è la tutela del reddito di lavoratori e pensionati che passa, in qualche modo, anche dalle aliquote delle addizionali comunali. Così è emerso che, su 85 Comuni della Provincia, le esenzioni tra gli 8mila e i 15mila euro di reddito è applicata ''appena'' in 45 realtà e ben 41 non prevedono nessuna esenzione, in 38 è applicata la cosiddetta aliquota progressiva (cioè quando la tassa sale rispetto all'imponibile).

Francesca Seghezzi della segreteria di CGIL Lecco

Infine, ha aggiunto Civilini, le esenzioni minori sono applicate a Suello, dove sopra i 7.500 euro l'addizionale è applicata, e quelle maggiori, tra gli altri, la si trovano a Cernusco e Colle Brianza. Tra le tante cose che è stata fatta notare agli amministratori nel corso degli incontri, ha spiegato Civilini, è che con un maggiore impegno rivolto al contrasto dell'evasione fiscale i Comuni che non applicano l'IRPEF potrebbero anche aumentare in gran misura. Stando ai dati fermi al 2017, appena una amministrazione comunale, quella di Carenno, aveva promosso attività per rintracciare gli evasori. Lecco - ha proseguito il rappresentante della FIM CISL - non lo fa dal 2014 (e quell'anno era riuscito a recuperare la bellezza di 159.300 euro).

Enrico Civilini della FIM CISL

Con una maggiore attenzione, dunque, quella che i sindacati hanno promosso e promuoveranno attraverso la contrattazione sociale, le imposte potrebbero persino diminuire, ma non solo. Con un'amministrazione più oculata, organizzando la gestione dei servizi in maniera associata, altre risorse potrebbero essere risparmiate in favore di anziani, malati cronici, persone fragili e famiglie in difficoltà. Individuare le vere piaghe della società, come ad esempio la ludopatia (Civilini ha spiegato di aver trovato molti amministratori non al corrente di quanto spendono i cittadini nel gioco d'azzardo), potrebbe aumentare l'attenzione verso un tema che oggi ne necessita molta di più, come l'accoglienza.

Tutto ciò è stato chiesto in un 2018 di contrattazione sociale portata avanti con non poche difficoltà, e sarà ancora al centro - lo ha spiegato Giacomo Arrigoni della UIL Pensionati - degli incontri che si svolgeranno nel 2019.
A.S.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco