Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 68.242.193
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Lunedì 15 aprile 2019 alle 13:28

Calolzio: 'Cittadini uniti' formalizza in comune la richiesta di revoca delle 'zone rosse'

Come già annunciato, il gruppo d'opposizione Cittadini Uniti per Calolziocorte questa mattina ha ufficializzato la propria richiesta di ritiro del regolamento adottato una settimana fa dal consiglio comunale (con i soli voti favorevoli della compagine di maggioranza).

I due gruppi di opposizione in consiglio comunale.
In prima fila gli esponenti di Cittadini Uniti per Calolziocorte Cesare Valsecchi, Sonia Mazzoleni e Paolo Cola

Nello specifico, nel documento protocollato da Sonia Mazzoleni anche a nome dei colleghi di schieramento Cesare Valsecchi e Paolo Cola (unico ad essersi alzato, abbandonando l'aula al momento della messa i voti del provvedimento), si chiede "di ritirare la delibera relativa all'istituzione di "zone rosse", ritenendola ingiusta e soprattutto non motivata in quanto non genera alcun valore aggiunto in termini di sicurezza, di prevenzione e presenta profili di illegittimità dal punto di vista giuridico e costituzionale. Una decisione - evidenziano i firmatari - che ha creato, a livello nazionali, danni all'immagine alla nostra Città" e che richiama alla mente "discriminazione, ghettizzazione, divisione ed emarginazione".
"Auspichiamo - scrivono altresì i tre consiglieri di minoranza - che l'Amministrazione comunale, facendo appello alla responsabilità e al buon senso, riveda le proprie decisioni e revochi la Delibera".
La stessa richiesta, attraverso una missiva recapitata sabato al sindaco Marco Ghezzi, era stata avanzata dai sacerdoti della Val San Martino, per il tramite del vicario mons. Angelo Riva nonché reiterata a più riprese, e in toni diversi, anche dai partecipanti al presidio di protesta promosso in piazza Vittorio Veneto, a seguito del quale il primo cittadino prima e l'intera maggioranza poi - tramite i tre capigruppo - avevano pubblicamente ribadito la buona fede alla base - dal loro punto di vista - del regolamento.
Non resta che attendere eventuali sviluppi con Sonia Mazzoleni che, già lunedì scorso in Aula, aveva preannunciato l'intenzione di inviare il testo in Prefettura per una valutazione da parte degli Uffici mentre l'onorevole Gian Mario Fragomeli ha presentato sul punto un'interrogazione al Governo.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco