Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 66.214.485
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Venerdì 20 febbraio 2015 alle 17:54

La danza delle ore di Brivio ha causato il maltempo e il rinvio del Carnevale

Gli antichi per propiziare la pioggia, nelle stagioni di siccità estreme, improvvisavano una danza. Non vorremmo che, prendendo lucciole per lanterne, il sindaco di Lecco con la sua danza delle ore sulla vendita degli alcolici abbia attirato le saette di Giove e con esse il rinvio del Carnevale. Fin troppo facile dagli del menagramo ma la cronaca locale racconta che l'unico precedente analogo risale al 20 settembre 1965 quando il maltempo costrinse gli organizzatori dell'Elma a rinviare il corteo manzoniano di una settimana con i promotori disperati e sull'orlo del collasso. Brivio, in questo senso, ha già dato, ma temo che ora lo stress colpisca i lecchesi. Non tanto per il rinvio ma per quella improvvida ordinanza che prevedeva il divieto di vendere alcolici nei bar del centro dopo la mezzanotte del sabato grasso. Come dire, Virginio si è messo in maschera travestendosi da sceriffo e da "fustigatore di costumi" e ha pensato di moralizzare la vita pubblica prendendosela con il mojito. Poi sollecitato dai commercianti e da giovani dei diversi schieramenti politici ha provato a rimediare posticipando di due ore il divieto. Davvero fatico a capire lo spirito del provvedimento e soprattutto questo decisionismo da "Re Tentenna", purtroppo già manifestato in troppe occasioni. Forse con le elezioni comunali a ridosso Brivio ha pensato che l'abbassamento della gradazione alcolica non avrebbe giovato al suo gradimento, specie tra il popolo della notte.
Marco Calvetti
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco