Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 63.308.785
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Gruppo Alpini
  • indirizzo: via Papa Giovanni XXIII
  • paese: Merate
  • telefono:
  • fax:
  • e-mail:
  • sito web:
Di seguito le cariche sociali rinnovate in data 25 novembre 2012 del gruppo alpini di Merate.
Capo Gruppo: Ripamonti Claudio
Vice Capo Gruppo: Novati Angelo
Segretario e Cassiere: Dell'Era Ulderico

Consiglieri:
Castelli Fiorenzo
Cogliati Angelo
Corneo Adriano
Dell'Era Ulderico
Dozio Mario
Galbusera Angelo
Novati Angelo
Novati Luigi
Perego Angelo
Rigoni Ambrogio
Rozza Pietro
Sala Natale
Terragni Marco
Valagussa Stefano
Zardoni Luigi

 

Il gruppo durante il gemellaggio con Busto Arsizio

 

 

Don Carlo Gnocchi

Nei giorni tragici della ritirata di Russia (inverno 42/43) don Carlo Gnocchi così scriveva: “Sogno, dopo la guerra, di potermi dedicare ad un`opera di carità, quale che sia, o meglio quale Dio me la vorrà indicare. Desidero e prego il Signore una cosa sola: servire per tutta la vita i suoi poveri. Ecco la mia carriera...Purtroppo non so se di questa grande grazia sono degno, perchè si tratta di un privilegio”. Carlo Gnocchi era nato a San Colombano al Lambro, presso Lodi, il 25 ottobre 1902. seminarista alla scuola del Cardinal Ferrari, venne ordinato sacerdote nel 1925. allo scoppiare della seconda guerra mondiale si arruolò come cappellano volontario e partì, prima per il fronte greco-albanese, e poi – con gli alpini della Tridentina – per la campagna di Russia. Salvatosi quasi per miracolo è rientrato in Italia nel 1943. Nel 1945 fu nominato direttore dell`Istituto Grandi Invalidi di Arosio. Nel 1949 l`Opera di Don Gnocchi si trasforma ufficialmente in “Federazione Pro Infanzia Mutilata” e nel 1952 in Fondazione Pro Juventute. Minato da una malattia incurabile, Don Gnocchi muore il 28 febbraio 1956. L`ultimo suo gesto profetico fu la donazione delle cornee a due ragazzi non vedenti, quando ancora in Italia il trapianto d`organi non era disciplinato da apposite leggi. In punto di morte le sue ultime parole furono “Amis ve raccomandi la mia baracca” che diventa per i suoi successori parola d`ordine.

Articoli correlati

Per consultare gli articoli antecedenti a giugno 2010 vai alla ricerca in archivio.