Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 70.157.380
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Lunedì 21 maggio 2018 alle 09:45

Lecco perduta/115: quando alla Sirtori c’era il Morbegno

Merano, 4 novembre 1956: l’onle Bertinelli premia con medaglia d’argento il lecchese
Ugo Merlini, già sottotenente del battaglione Morbegno sul fronte russo 1943
La recente adunata nazionale a Trento degli Alpini, nella ricorrenza centenaria della vittoriosa Grande Guerra 1915/’18, è stata occasione per parlare del glorioso Battaglione Morbegno, che ha avuto sede, con il centro di arruolamento, anche presso la Caserma Sirtori di Via Leonardo da Vinci. Il Morbegno, con i fatti tragici del Settembre 1943, si dissolse anche a Lecco quando gli Alpini ruppero le righe per evitare di collaborare con i Tedeschi invasori. La Caserma Sirtori vedeva in quel Settembre 1943 una cinquantina di Penne Nere al comando del colonnello Varusio. Ciò avvenne anche in altre caserme del Morbegno, come quella che c’era presso le scuole del quartiere Acquate, in Viale Montegrappa, dov’era trasferito un reparto che aveva lasciato Milano pesantemente bombardata.
    Il Battaglione Morbegno venne ricostruito con solenne cerimonia a Merano il 4 Novembre 1956. La stampa lecchese di quel periodo ha scritto: “Centinaia di Alpini di tutte le leve, di Como, Lecco, valli lariane, della provincia di Sondrio, sono confluite a Merano per partecipare alla cerimonia ufficiale della ricostituzione del Battaglione Morbegno del glorioso V Alpini”. La cerimonia si svolse alla presenza di numerose autorità ed anche del Battaglione Paracadutisti Alpini, allora di recentissima formazione. Intervenne per il Governo il sottosegretario on. Virginio Bertinelli, deputato di Como. C’era il sindaco di Lecco, prof. Luigi Colombo. Durante la cerimonia vennero benedette le drappelle del Morbegno offerte dalla città di Como, le trombe offerte dalla città di Morbegno ed il vessillo offerto dalla città di Lecco, con madrina Giuseppina Mercalli Bassani. La cerimonia vide anche la consegna di decorazioni; fra queste ultime, quella al tenente dott. Ugo Merlini dell’ANA di Lecco. La medaglia d’argento ad Ugo Merlini venne consegnata dall’on. Bertinelli. Ugo Merlini è stato presidente ANA di Lecco dal 1945 al 1965 e poi presidente nazionale sino alla sua improvvisa scomparsa, per tragica fatalità, il 12 Dicembre 1971. La motivazione ricorda: “Ugo Merlini, classe 1919, sottotenente del V Alpini, 44^ Compagnia del Battaglione Morbegno, medaglia d’argento sul fronte russo 27 Gennaio 1943 e medaglia di bronzo, sempre sul fronte russo, 22/24 Gennaio 1943”.
    Il Battaglione Morbegno si trova ora a Vipiteno, nella Caserma Davide Menini-De Caroli, divenuta sede del V Reggimento Alpini, attualmente al comando del colonnello Ruggero Cucchini, che è stato a Colico nella recente commemorazione del 75° della battaglia di Nikolajewka. L’attuale comandante del Morbegno è il tenente colonnello Massimiliano Cigolini, che è stato in Valtellina il 20 Gennaio scorso per partecipare alla messa notturna in ricordo del Battaglione Morbegno sul fronte russo. Era presente una delegazione del Nastro Azzurro di Lecco, con labaro sezionale, con il presidente Mario Nasatti, il segretario Paolo Ripamonti, l’alfiere Mariano Spreafico. Nell’ufficio del comandante del V Alpini a Vipiteno è custodita la bandiera di guerra del V Reggimento Alpini con la storia e le tradizioni dei suoi Battaglioni, come è stato ed è tuttora il Morbegno.
Articoli correlati:
09.08.2016 - LECCO PERDUTA
A.B.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco