Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 69.966.134
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Domenica 25 novembre 2018 alle 21:47

Mandello: per la Festa dello Sport 'sfilata' di giovani premiati dall'Amministrazione. Atleta dell'anno Astrid Gilardi, calciatrice dell'Inter

Sport mandellese sul palco nel tardo pomeriggio di domenica 25 novembre: il Teatro Comunale “Fabrizio De André” ha infatti ospitato il tradizionale appuntamento con i giovani atleti della cittadina lariana, che insieme agli allenatori e ai dirigenti delle loro società di appartenenza hanno vissuto un meritato momento di gloria, ricevendo l’annuale riconoscimento dell’Amministrazione.


Astrid Gilardi. Sotto, con l'assessore allo sport Serenella Alippi





Al termine della “sfilata” che ha portato sul palco canoisti, tennisti e appassionati delle più svariate discipline, ad essere premiata come miglior atleta del 2018 è stata Astrid Gilardi, calciatrice classe 2003 che da circa un anno veste la maglia nerazzurra dell’Inter, con cui si è anche laureata campionessa italiana: nata e cresciuta – anche sportivamente, con mister Francesco Malvaso, che ha voluto ringraziare pubblicamente per aver sempre creduto in lei – a Mandello del Lario, si è già stabilmente inserita anche nel “circuito” della Nazionale azzurra, con cui ha già disputato alcune partite ufficiali. “Con le mani protette dai suoi guantoni (Astrid, infatti, è un portiere, ndr.) ha sempre dimostrato grande impegno e serietà, due caratteristiche che l’hanno resa più che meritevole di questo riconoscimento, oltre naturalmente agli importanti traguardi raggiunti a soli 15 anni” ha commentato il presentatore dell’evento Fabio Balbi, che ha affiancato il sindaco Riccardo Fasoli e l’assessore Serenella Alippi, già campionessa di tennis da tavolo.


Il sindaco Riccardo Fasoli e l’assessore allo sport Serenella Alippi


Dario Noseda con il presentatore Fabio Balbi


Il Sergente Daniela Lucia D’Angelo


Franca Lafranconi e Sergio Gatti della sezione “Arcobaleno”. Sotto, i loro ragazzi



“Qui a Mandello vediamo sempre tanto impegno nello sport, che spesso riesce anche a tradursi in risultati prestigiosi” ha aggiunto il primo cittadino, che nel suo personale palmares può vantare un titolo mondiale nel canottaggio. “Non solo calcio, pallavolo e basket: le discipline di cui possiamo andare fieri sono davvero tante, e ciascuna di esse, a proprio modo, rappresenta un’opportunità di crescita e di miglioramento per tutti i nostri ragazzi, che grazie allo sport possono imparare a misurarsi con i propri limiti e a superarli, anche senza necessariamente raggiungere livelli di eccellenza. Da atleta, mi sento di rivolgere alcune parole anche ai genitori: lasciate ai vostri figli la libertà di scegliere in quale ambito cimentarsi, senza spingerli in una direzione o in un’altra, e cercate di restare sempre fermi “al cancello” evitando di intromettervi nei loro allenamenti e nel loro percorso di crescita sportiva, per i quali hanno già altre figure di riferimento”.


Simonetta Martini della Lega Navale


Gli sportivi dell’Istituto Comprensivo “Alessandro Volta”


Andrea Panizza con il sindaco Riccardo Fasoli


Il rappresentante della Canottieri Moto Guzzi

Il primo atleta a salire sul palco e a ricevere gli applausi del “De André” è stato Dario Noseda, velista che in soli 33 giorni ha attraversato l’Oceano da Tenerife alla Martinica con la sua Star, una barca di poco meno di sette metri di lunghezza. Un’impresa leggendaria, che lui stesso non ha esitato a definire “da pazzi”, anche e soprattutto perché l’ha affrontata completamente in solitaria, con tanto di… naufragio finale. Non è stata però da meno il Sergente Daniela Lucia D’Angelo, che ha conquistato un prestigioso argento alla Coppa del Mondo di paracadutismo: una prova al limite del possibile, quella in cui è stata chiamata a cimentarsi, dovendo colpire con il tallone un bersaglio di 1 centimetro e mezzo di grandezza dopo un “lancio” da 1.000 metri. “Fin da piccola ho sempre sognato di volare e di indossare questa uniforme” ha raccontato con emozione il Sergente. “Mi rivolgo quindi a tutti i ragazzi qui presenti: se credete davvero in qualcosa, non smettete mai di lottare e di provare a raggiungere il vostro obiettivo, anche se vi sembra folle o insensato. Le difficoltà non mancheranno, ma il risultato sarà straordinario”.


Gli atleti della Canottieri


Il presidente della FCI provinciale Alessandro Bonacina


Riccardo Panizza


Il dirigente della Pallavolo Mauro Lafranconi. Sotto, parte della squadra



Grande protagonista della cerimonia, poi, è stata l’immancabile Polisportiva del presidente Ugo Dell’Era, con le sue sezioni di calcio, tennis (con l’allenatore Christian Zambra, il preparatore Lorenzo Botta e il mental coach Gianluca Casartelli), atletica (rappresentata da Flavio Rumi, Edoardo Gilardoni, Alessandro Gianola, Alessandro Rigamonti e Nicolò Rumi) e pallavolo. Al termine della scorsa stagione, quest’ultima ha conquistato uno “storico” accesso al campionato nazionale di B2, iniziato da poche settimane con qualche fisiologica difficoltà dovuta a un passaggio di categoria che ha portato con sé non pochi cambiamenti. “In ogni caso noi ci siamo” ha affermato con convinzione il dirigente Mauro Lafranconi, che ha presentato tutte le sue pallavoliste con gli allenatori Daniele Valsecchi e Simone Mariani. Decisamente speciale, all’interno della Polisportiva, anche la sezione “Arcobaleno”, nata nel 2005 e ormai a tutti gli effetti una realtà autonoma e ben consolidata, facente parte anche del circuito internazionale degli “Special Olympics”: guidata da Franca Lafranconi e Sergio Gatti, la squadra è composta da otto atleti diversamente abili (Sara Macinante, Federico Motta, Nicolò Riva, Ulderico Bagato, Stefano De Fanti, Marco Casalini, Marco Lafranconi e Giulia Prandi), ai quali si aggiungono altre due giovani sportive dell’ASD Oltretutto 97 di Malgrate (Chiara Anghileri e Francesca Colombo), impegnati in una serie di discipline tra cui la corsa in montagna, novità degli scorsi mesi.


L’allenatore di tennis Christian Zambra


Al microfono il mental coach Gianluca Casartelli


Non poteva non trovare spazio all’interno della Festa dello Sport Andrea Panizza, 20enne mandellese che lo scorso settembre ha vinto un oro mondiale nel canottaggio, nel Quattro di Coppia Senior: tesserato per la Canottieri Moto Guzzi in abbinamento con il corpo delle Fiamme Gialle, sul palco del “De André” ha ripercorso con emozione il percorso in Bulgaria – non privo di difficoltà – vissuto fino alla fine con i compagni Filippo Mondelli, Luca Rambaldi e Giacomo Gentili, per poi ricevere il suo meritato premio direttamente dalle mani del sindaco Riccardo Fasoli, consapevole meglio di chiunque altro dell’impegno e della determinazione necessari a conquistare un simile traguardo.


I dirigenti della sezione Atletica e, sotto, i loro ragazzi



Gli applausi successivi sono stati tutti proprio per la “sua” Canottieri Moto Guzzi, di cui sono stati ringraziati in particolare – oltre al presidente Livio Micheli – lo “storico” allenatore Giuseppe Moioli e i colleghi Eros Goretti, Giorgio Ronchetti, Luigi Riva, Lorena Fuina e Marco Zonno. E ancora, momenti di gloria anche per gli studenti dell’Istituto Comprensivo “Alessandro Volta”, così come per i velisti della Lega Navale guidata dalla dottoressa Simonetta Martini. “Quest’anno abbiamo anche avuto un buon ricambio generazionale, che ci ha consentito di ottenere risultati ancora migliori” ha commentato quest’ultima, sottolineando altresì come quello della Lega Navale non sia assolutamente, come spesso si è propensi a pensare, “uno sport d’élite, ma anzi praticabile da tutti, da chiunque desideri godersi il nostro lago e le bellezze del nostro territorio”.


Nicholas Passoni e Alfio Riva, della sezione Calcio

È stato, infine, il presidente della FCI provinciale Alessandro Bonacina a premiare Riccardo Panizza, pluricampione di ciclismo con diversi titoli conquistati anche nel tandem paralimpico, in cui corre come guida del non vedente Emanuele Bersini. A chiudere la “sfilata” di atleti sono stati i Pulcini 2008-2009, che quest’anno hanno avuto l’onore di rappresentare la “storica” sezione calcistica della Polisportiva insieme ai loro allenatori Nicholas Passoni e Alfio Riva: impazienti di calcare il palcoscenico con le loro divise arancioni, hanno ricevuto gli ultimi applausi di una serata ricca di divertimento ed emozioni, che ha avuto il merito di celebrare lo sport mandellese in tutte le sue forme.
B.P.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco