Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 70.252.575
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Venerdì 12 aprile 2019 alle 09:42

Fragomeli: Da Calolzio una inaccettabile scelta segregazionista

«L’Amministrazione comunale di Calolziocorte ha compiuto una scelta di una gravità inaudita. Per precisa volontà della giunta leghista - e per pura e scellerata propaganda elettorale - è stata decisa la creazione di zone urbane dove, senza distinzioni di sorta, l’accesso è vietato a migranti e richiedenti asilo. È stata insomma adottata, consapevolmente, una politica segregazionista che non tiene nemmeno conto della presenza, tra queste persone, di mamme e bambini, ovvero di quelle figure più fragili che hanno assoluta necessità di integrazione e di servizi (come le scuole) e non invece di essere relegate in luoghi periferici. In ragione di tutto ciò, ho immediatamente presentato una interrogazione al Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, al Ministro dell’Interno, Salvini, e al Ministro della Famiglia, Fontana».
Gian Mario Fragomeli, deputato PD della Brianza, commenta così la recente introduzione a Calolziocorte delle zone rosse anti-migranti.
«È una decisione assurda e inaccettabile. In quel territorio vivono in tutto 18 migranti (7 ragazzi maggiorenni di cui 6 con contratto di lavoro nella frazione di Rossino e nella frazione di Casale; un solo nucleo familiare; una mamma con un bimbo di 3 anni e 3 mamme di bimbi con meno di un anno d’età). L’interdizione stabilita dal Comune riguarda anche la possibilità di ospitare delle persone: ciò impedisce quindi alle strutture già presenti sul territorio, sia ecclesiastiche che laiche, di svolgere la propria opera. Una violazione insostenibile - lo dico da cattolico - del diritto della Chiesa di promuovere accoglienza, sostegno e integrazione.
Con la mia interrogazione, ho pertanto chiesto al Governo di verificare i palesi elementi di illegittimità e di manifesta incostituzionalità presenti nelle delibera approvata dalla giunta di Calolziocorte, chiedendo quindi che venga attivata la Prefettura competente allo scopo di impedirne l’applicazione».
«Siamo di fronte ad un imbarbarimento culturale e civile che non può più essere tollerato - con-lude Fragomeli. Deve essere chiaro a tutti fino a che punto ha osato spingersi e quali nefaste conseguenze sta avendo la becera e disumana linea politica portata avanti dalla Lega e dal suo leader Matteo Salvini»
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco