Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 69.773.642
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Mercoledì 01 maggio 2019 alle 12:36

Valmadrera: in cinquecento per la quindicesima edizione del trofeo ''Dario e Willy''

500 atleti, 25 chilometri, 2000 metri di dislivello: questi i numeri della quindicesima edizione del trofeo "Dario e Willy", che puntuale è stata proposta, come ogni anno, in occasione della Festa del primo maggio.

Tanto sole e una brezza primaverile hanno accompagnando i cinquecento atleti che hanno deciso anche quest'anno di cimentarsi in una delle gare più dure ma caratteristiche del territorio, il cui percorso prevede una corsa sulle montagne del triangolo lariano e che solo i più arditi e allenati hanno potuto intraprendere.

Galleria immagini (clicca su un'immagine per aprire l'intera galleria):


Alle nove in punto i cinquecento hanno rotto le fila della partenza, fissata come ogni anno presso il centro sportivo Rio Torto di Valmadrera, per intraprendere un percorso di 2000 metri di dislivello, passando dal centro di Valmadrera per salire fino a Sambrosera e al Rifugio SEV in direzione Colletta dei Corni e Terz'Alpe; da qui, giungere al Rifugio Sec, Monte Rai e discendere poi al Fontanino del Tof e S.Tomaso, concludendo il percorso al Sasso di Preguda, Pradello e tagliando il traguardo in località Paré.

Da destra Daniel Antonoli, Antonio Rusconi, Laura Valsecchi

Un percorso quindi che riunisce monti e lago per compensare con la bellezza del nostro territorio, la grande fatica che li attende; fatica ulteriormente accentuata dalla presenza di due cancelli orari dislocati lungo il percorso: il primo situato presso il rifugio Sev a Pianezzo ad 1h 45' dalla partenza, il secondo presso il ristoro OSA a S.Tomaso, 3h 45' dal fischio d'inizio.
È di Rolando Piana il tempo maschile (2h, 24' e 54'') da battere per poter firmare il tempo migliore della gara; è invece di 2h 53' 53'' il tempo femminile da superare, siglato l'anno scorso da Dragomir Denisa Ionela.

Sicuramente soddisfatti sono rimasti gli organizzatori - tra cui anche Daniel Antonioli, atleta nazionale di winter triathlon - in primis la presidente dell'Osa di Valmadrera, Laura Valsecchi, che ha apposto la firma sul successo riscosso anche quest'anno dalla gara, ormai tappa imprescindibile per tutti gli atleti del territorio.
A.A.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco