Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 69.851.951
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Mercoledì 29 maggio 2019 alle 17:30

Valmadrera, crisi Husqvarna: Riva punta il dito contro la globalizzazione incontrollata

Diego Riva
Il segretario generale della Cgil Lecco Diego Riva interviene sulla situazione della Husqvarna di Valmadrera. “La globalizzazione che ha portato la libera circolazione dei capitali, dei prodotti e dei processi produttivi non funziona se non è accompagnata da vere regole sociali, ma tutto questo va a vantaggio di multinazionali e grandi imprese. Dobbiamo assolutamente contrastare le diseguaglianze e redistribuire la ricchezza”.
Un esempio negativo della globalizzazione nel mondo del lavoro è proprio la Husqvarna, dove è in atto da lunedì un’assemblea permanente dei lavoratori il cui obiettivo è riaprire un confronto con la multinazionale svedese che preveda altre soluzioni alla dismissione completa della produzione. A rischiare il posto sono infatti 80 dipendenti su 102. “I lavoratori della Husqvarna non ritengono giusta questa situazione, pertanto continueranno a lottare per modificare la posizione della dirigenza della multinazionale – afferma Riva –. Sanno che questo percorso costa sacrifici, infatti sono già in sciopero e hanno organizzato un presidio permanente fuori dai cancelli 24 ore su 24. Riteniamo che si debba modificare la posizione dell’azienda perché quanto fatto in questi anni, da questi lavoratori, è sotto gli occhi di tutti. Non dimentichiamoci che hanno dato risposte sia in ambito di produttività sia per quanto riguarda la qualità e l’azienda è stata la prima ad avvantaggiarsi per il lavoro. Ora queste persone stanno chiedendo rispetto e sono nel giusto, pertanto non molleranno, lottando fino alla fine per salvare ogni possibilità di riapertura dell’attività produttiva”.
Secondi i piani della multinazionale si salverebbero in venti, trenta al massimo. “Ma non è sufficiente lasciare aperta l’attività commerciale e impiegatizia – prosegue il segretario – qua serve difendere l’occupazione soprattutto nel processo produttivo (sulle linee di montaggio). Intanto gli operai stanno avendo la solidarietà da parte delle istituzioni, a partire dal Comune di Valmadrera, con cui si sta cercando di mobilitarsi per ottenere il giusto risultato”.
Lunedì 3 giugno sarà la giornata calda per la Husqvarna. Alle 10 ci sarà un incontro tra i rappresentanti sindacali e i vertici dell’azienda negli uffici di Confindustria a Lecco. Alle 17.30 ci sarà l’Unità di crisi alla Provincia di Lecco.
Articoli correlati:
28.05.2019 - Valmadrera: anche il sindaco Rusconi al presidio fuori dalla Husqvarna
28.05.2019 - Valmadrera: Husqvarna chiude la produzione, a rischio un'ottantina di posti di lavoro
04.04.2019 - Valmadrera: lavoratori di Husqvarna a casa per un giorno per ''nuovi episodi spiacevoli''
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco