Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 69.816.846
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Lunedì 24 giugno 2019 alle 18:56

Monza-Resegone: 3° posto per i 'Falchi' di Lecco. L’impresa,un sogno che si fa realtà

L'ASD Falchi di Lecco ha agguantato uno straordinario terzo posto alla Monza-Resegone che si è svolta nella notte di sabato 22 giugno. Il trio che dopo tanti anni ha riportato sul podio una squadra lecchese è stato composto da Lorenzo Beltrame di Mandello, Paolo Bonanomi di Valgreghentino e Davide Perego di Pagnano, frazione di Merate. Un risultato eccezionale per tante ragioni, raccontate dai diretti interessati una volta sbollita l'emozione di essere riusciti, quasi inaspettatamente, a raggiungere un traguardo tanto ambito. 

I ''Falchi'' Lorenzo Beltrame di Mandello, Paolo Bonanomi di Valgreghentino e Davide Perego di Pagnano

''Per me è stata la prima volta in assoluto, mentre i miei due compagni l'avevano già provata gli anni scorsi'' ha raccontato Paolo ''Credo che abbiamo gestito bene la parte in piano, durante la quale siamo andati un po' più adagio rispetto al nostro ritmo, che abbiamo volutamente tenuto meno elevato per spingere in salita. E' stata indubbiamente una bella esperienza, anche se veramente dura. Siamo infatti abituati a tratti molto più corti. Ci siamo allenati parecchio, ma non abbiamo mai fatto nulla di specifico per queste distanze''. Partecipare alla Monza-Resegone, agguantando per giunta il terzo posto, per il giovane di Valgreghentino ha significato anche realizzare un sogno che inseguiva da quasi sette anni.

''Ho iniziato a correre nel 2012 proprio perché sotto casa mia passava la corsa'' ha raccontato. ''Ho sempre visto questi atleti transitare a notte fonda e così con alcuni amici ci siamo messi in testa di parteciparvi, e abbiamo perciò iniziato a correre. Dopo sette anni sono riuscito a vivere questa esperienza. Secondo il mio punto di vista, per correre queste maratone serve trovare i compagni di squadra giusti. Con Lorenzo e Davide ci conosciamo ormai bene e siamo molto affiatati. Ognuno di noi sa i punti deboli dell'altro e di conseguenza durante la gara abbiamo saputo gestire questa cosa, evitando quindi di metterci in difficoltà a vicenda. Poi abbiamo avuto lo straordinario supporto dei nostri amici che ci hanno passato borracce e snack quando c'è stato bisogno e anche di Frank Simonetta, che è stato il nostro CT. Anche lui è un atleta dei Falchi e con la sua esperienza ci ha aiutato molto ad arrivare terzi''.

Davide Perego

Fino a poco tempo fa, gli unici numeri con cui aveva a che fare erano quelli degli schemi del suo allenatore e casomai quello della maglia indossata sul campo di calcio. Da quando ha iniziato a correre, però, il meratese Davide Perego ha dovuto fare i conti coi cifre che stabiliscono il tempo impiegato per raggiungere il traguardo, un po' come le 3 ore, 13 minuti e 45 secondi che insieme ai compagni di squadra ha trascorso in gara prima di chiudere con un eccellente terzo posto nella classifica generale per la gioia della società in cui militano. Un risultato notevole, arrivato in qualche modo all'improvviso, reso ancor più speciale dal fatto che il meratese, classe 1992, fino a due anni fa non aveva neppure mai indossato una pettorina o partecipato ad una maratona. ''Corro dal gennaio di due anni fa e prima giocavo a calcio'' ha raccontato.
''E' la seconda Monza-Resegone a cui partecipo. Nel 2017 fui chiamato a sostituire un ragazzo che mancò all'ultimo, il risultato non fu disastroso ma niente in confronto a questa volta. Ci siamo iscritti l'ultimo giorno utile. Diciamo che non abbiamo svolto una vera e propria preparazione, consistita in buona sostanza nel partecipare ogni domenica ad una corsa diversa''. Come se non fosse abbastanza a far ''rodere'' chi si è piazzato dietro ai ''Falchi'' nella corsa che si è svolta sabato sera, Davide e i suoi compagni, come del resto l'associazione per cui corrono, sono più abituati alle gare in alta quota su percorsi di montagna. ''Nonostante tutto abbiamo mantenuto un buon ritmo, tenendoci sui 3.50 minuti a chilometro fino a Calolzio, dove si inizia a salire verso il traguardo'' ha concluso. ''Non abbiamo avuto particolari problemi durante la gara, cosa non scontata quando corri così a lungo''.

Venerdì toccherà perciò al trio lecchese salire sul terzo gradino del podio durante le premiazioni ufficiali della corsa, della quale è possibile scaricare la classifica finale (QUI)
A.S.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco