Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 69.948.992
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Martedì 09 luglio 2019 alle 10:28

Valmadrera: presentate le linee programmatiche della Giunta Rusconi. Punto chiave: dare nuova vita al 'cuore pulsante' della città

Antonio Rusconi
La seduta consiliare svoltasi lunedì sera a Valmadrera è stata l'occasione per il Sindaco Antonio Rusconi per presentare le Linee Programmatiche di Governo, una panoramica di quanto l'Amministrazione è intenzionata a realizzare nei prossimi cinque anni.
"Fare il Sindaco a 60 anni, dopo parecchi anni di distanza e aver ricoperto ruoli e responsabilità non solo a livello nazionale, è anzitutto un atto di amore per la propria città, dove sei nato, dove ci sono i tuoi, dove ci sono stati e ci sono i tuoi affetti", ha commentato Rusconi. "Per me rappresenta un grande onore essere Sindaco di Valmadrera. Lo ribadisco perché questo concetto sottolinea  le ragioni, le motivazioni, la passione per cui, dopo tanti anni passati in questo Consiglio comunale, ho deciso di rimanerci e di continuare a lavorare".
Finalità ultima della Giunta, accanto alla finalizzazione dei lavori di Paré, lavorare sul cuore pulsante di Valmadrera, quella sorta di cittadella che comprende il Centro Fatebenefratelli - che "deve diventare il luogo di riferimento per le attività dedicate ai giovani e alle associazioni, abilitando momenti di socializzazione anche utilizzando gli spazi dell'ex bar" -, la Piazza, l'Opera Pia Magistris, Villa Ciceri, fino al pratone di via Leopardi, dandole nuova vita con una serie di iniziative sinergiche e di ampio respiro. Proprio in via Leopardi, all'interno del Pratone, verrà realizzato un nuovo parco pubblico, una zona di relax e di pace per bambini e anziani.
Durante l'amministrazione si valuteranno ulteriori interventi per la valorizzazione del centro città. In particolare la sistemazione del "vecchio comune", una struttura che con opportuni adeguamenti può diventare risorsa preziosa per l'amministrazione e le associazioni di Valmadrera che in parte già ne usufruiscono; la sistemazione di Villa Ciceri e la riqualificazione del parco, perché possa essere un posto sempre più accogliente per le iniziative dedicate alla terza età; il recupero e la riqualificazione di alcune zone del centro storico, come gli edifici intorno alla piazza.
Per quanto riguarda il Turismo, in primo luogo verranno portati avanti gli investimenti sullo sviluppo dell'area lago, già avviati dalla attuale amministrazione, per il completamento della parte pubblica (parco e prato di Parè) e l'avvio delle progettualità di "project financing" per la parte privata. Ad ulteriore sviluppo della baia, sarà avviata la progettazione e realizzazione di una passeggiata a sbalzo che unisca Valmadrera a Malgrate, creando un punto di attrazione che valorizzi l'intera costa dal Ponte Kennedy al Porto di Paré. Spazio inoltre a un'area camper, alla valorizzazione dei parchi e alla creazione di un'Area Feste nel Centro Sportivo del Rio Torto.
Per quanto concerne la mobilità si andranno a realizzare quegli interventi che favoriscono e tutelano la mobilità dolce: interventi per limitare la velocità degli automezzi, creazione di zone 30 km/h nel centro paese e al centro sportivo, sensi unici per realizzare percorsi ciclabili e pedonali laddove non è possibile realizzare marciapiedi.
"Quanto all'Ambiente, lavoreremo in modo deciso affinché i prossimi cinque anni siano quelli che porteranno verso la cosiddetta economia circolare", ha spiegato il primo cittadino. "L'uscita dall'incenerimento dei rifiuti passa necessariamente attraverso alcuni passaggi essenziali che noi sosterremo: diminuzione della produzione rifiuti pro-capite, aumento della raccolta differenziata sia in quantità che in qualità, premialità per quei cittadini e quelle imprese che otterranno i migliori risultati, riconversione dell'inceneritore in un impianto all'avanguardia di recupero di materiali. Per quanto riguarda il progetto di teleriscaldamento, noi ribadiamo la nostra chiara posizione già espressa con coerenti atti amministrativi: qualsiasi progetto che verrà proposto dovrà obbligatoriamente prevedere l'alimentazione della rete, al massimo entro la scadenza dell'attuale autorizzazione ambientale nel 2032, con fonti energetiche non fossili e da quella data, in nessun modo, si dovrà far ricorso all'incenerimento di rifiuti. Un lavoro di estrema importanza verrà fatto con le scuole. In primo luogo posizionando bidoni per la raccolta differenziata e, più in generale, intervenendo con attività di educazione civica e ambientale".
Si studierà inoltre la possibilità di realizzare un Centro Polifunzionale delle Emergenze, in continuità con quanto già indicato dalla precedente amministrazione, cercando di motivare i cittadini rispetto a esigenze e necessità che sono di un intero territorio e non solo del Comune di Valmadrera, attraverso l'utilizzo anche del Fondo della Comunità di Valmadrera che in questi anni ha raccolto quasi un milione di euro a sostegno di iniziative e attività sociali e assistenziali.
L'Amministrazione si concentrerà inoltre sulla valorizzazione di Cultura e Sport e, in particolare, intervenendo nel settore del Lavoro: "Rispetto al tema del lavoro, il ruolo di un'amministrazione è quello di aiutare a mettere in rete i servizi di accompagnamento alla ricerca del lavoro o del reinserimento dopo il periodo di crisi. In quest'ottica, il Progetto Valoriamo, a cui l'amministrazione di Valmadrera ha aderito, è il tentativo sperimentale per un patto di comunità tra parti sociali, pubblico, terzo settore e aziende che puntano alla responsabilità sociale d'impresa".
Spazio infine al Sociale, con particolare attenzione a giovani e anziani. Continuità dunque al Progetto Villa Ciceri, luogo di aggregazione per la popolazione anziana autosufficiente, e al Progetto UNITRE, che prevede una serie di incontri culturali rivolti alle persone "sempre giovani anche se anziane". In relazione a Villa Ciceri, si procederà in particolare con la riqualificazione della zona verde adiacente alla Villa e i lavori di manutenzione straordinaria a piano terra, con la realizzazione di sei parcheggi.
Sarà ampliata l'offerta dei servizi educativi per la prima infanzia attraverso la realizzazione di un nuovo centro per la prima infanzia la cui attività inizierà presumibilmente nel mese di settembre 2019. La struttura, collocata nell'ex Distretto di Via Casnedi potrà accogliere fino ad un massimo di trenta bambini dai 12 ai 36 mesi. Continuerà infine il rapporto di proficua collaborazione con la Cooperativa Arcobaleno per la Gestione del Centro Diurno Disabili
"Nei prossimi anni per il nostro Comune si prospetteranno scelte significative e strategiche, in un contesto normativo complesso, rigido e vincolante", ha commentato Rusconi. "Occorrerà lavorare molto con un'Amministrazione che, grazie anche all'apporto determinante del personale comunale che da tutti è ritenuto valido, sappia coniugare disponibilità e competenza manageriale. Naturalmente - ha concluso il borgomastro - come è accaduto anche nel recente passato, saranno anticipati e resi prioritari quei progetti (ad esempio telecamere per sicurezza, edilizia scolastica, impianti sportivi) che hanno ottenuto importanti contributi regionali o nazionali".
M.C.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco